Giugno 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il nucleo interno, questo ridicolo “seme” con un raggio di 1.200 chilometri al centro della Terra

Il nucleo interno, questo ridicolo “seme” con un raggio di 1.200 chilometri al centro della Terra

Ce lo hanno insegnato fin da piccoli: nel cuore della vita si nasconde un seme. Piante, animali, bambini, tutto viene da lì. Quello che i bambini – e gli adulti – sanno meno è che nel cuore del nostro pianeta si nasconde anche un “seme”, come lo chiamano i geoscienziati. Sotto la crosta, sotto il mantello roccioso, sotto il nucleo esterno di metallo fuso, questo nucleo interno – il suo altro nome – con un raggio di circa 1200 chilometri, occupa però solo l’1,7% del volume terrestre. Ma si concentra su molti misteri. La sua esistenza fu provata solo dal sismologo danese Inge Lehmann (1888-1993) nel 1936, sei anni dopo la scoperta di Plutone.

“Fino ad oggi, non conosciamo la sua età, non conosciamo le sue proprietà fisiche, non conosciamo la sua composizione e le uniche informazioni che abbiamo sono i terremoti”.insiste Marin Lasplace, fisico presso la società di certificazione Bureau Veritas e autore di una tesi sull’argomento. In un articolo pubblicato il 6 luglio, in revisione naturaLa signora French, borsista post-dottorato presso il Laboratorio di scienze planetarie e geoscienze di Nantes durante questa ricerca, ha supportato il team di Keith David Cooper, presso l’Università dello Utah (USA), per sollevare un coperchio sulla trama di questo nucleo. E lì hanno scoperto un’inaspettata eterogeneità.

Per questo, hanno effettivamente utilizzato le informazioni sismiche. Va detto che la terra non ne ha carenza: vi si verificano ogni settimana un centinaio di terremoti di magnitudo superiore a 5. Devi ancora essere in grado di capirlo. I ricercatori hanno fatto uso di sensori particolarmente sensibili, che sono stati installati quasi ovunque nel mondo dalla Comprehensive Nuclear-Test-Ban Treaty Organization. Questi sismografi hanno lo scopo di localizzare potenziali test terrestri e sono più o meno inerti.

READ  Sabine Marcelis immagina una collezione molto attraente per IKEA
Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Segnale flash per rilevare i terremoti più rapidamente

I ricercatori li portano periodicamente fuori dal deserto tartaro per localizzare esplosioni di meteoriti o terremoti di origine umana associati allo sfruttamento del gas di scisto, nonché per ascoltare colonie di capodogli pigmei, migliorare le previsioni climatiche o seguire la formazione di iceberg. Qui, l’estrema sensibilità di questi strumenti è stata utilizzata per studiare la formazione dei famosi semi, grazie al monitoraggio di 2.455 terremoti di magnitudo superiore a 5.7.

piccolo riferimento

Il principio è molto semplice: quando un terremoto scuote la crosta terrestre, certe onde affondano verso le profondità della terra. Ad ogni cambio di mezzo, una parte del segnale rimbalza e ritorna in superficie, e un’altra parte continua il suo percorso, diffratta solo per “rifrazione”, come la luce sulla superficie dell’acqua o del vetro. Questo è ciò che succede al raggiungimento della superficie Dal nucleo interno, poi dentro, ad ogni minima imperfezione. La rete ultrasensibile di sensori rileva quindi non solo il segnale principale, ma anche la “coda”, che indica irregolarità nella trama. Un segnale minuscolo, pochi nanometri al secondo, che a malapena può essere estratto dal rumore sismico circostante. Ma per la rete di sensori l’ims, ces “Eco per bambini”come li chiama Mr. Cooper, aprono una finestra sul cuore del mondo.

Hai ancora il 48,94% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.