Luglio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“È bello che l’astronave ci riporterà a casa”: due astronauti ancora “bloccati” nello spazio

“È bello che l’astronave ci riporterà a casa”: due astronauti ancora “bloccati” nello spazio

Avrebbero dovuto tornare sulla Terra già diverse settimane fa, ma sono ancora nello spazio: i due astronauti del primo volo con equipaggio della navicella spaziale Starliner, sviluppata da Boeing, hanno dimostrato mercoledì la loro fiducia nel loro veicolo, nonostante i problemi incontrati .

Inizialmente era previsto che gli astronauti americani Butch Wilmore e Sonny Williams trascorressero meno di due settimane nel laboratorio di volo, ma sono già lì da più di un mese.

Il motivo: problemi con il sistema di propulsione della capsula durante il suo avvicinamento alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), che hanno spinto la NASA a posticipare la sua partenza, mentre venivano condotti i test.



“Ho la netta sensazione che l’astronave ci porterà a casa, nessun problema.”Lo ha detto Sonny Williams durante una conferenza stampa dallo spazio. aspettare, “Ci stiamo divertendo moltissimo qui sulla Stazione Spaziale Internazionale.”lei ha aggiunto.

Da parte sua, Butch Wilmore ha elogiato le capacità della navicella spaziale che ha pilotato manualmente nel suo viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale, in particolare la sua precisione.

Come pilota collaudatore, ha messo in prospettiva le sue sfide: “È il mondo dei test, è un settore difficile”.Egli ha detto. “Ogni veicolo spaziale mai progettato ha avuto molteplici problemi. Questa è la natura della nostra attività.”







READ  Ci saranno le prime demo della console, del ray tracing e del DLSS
-->



Unità danneggiate?

Poco prima che la nave attraccasse alla stazione, cinque delle 28 piccole unità di propulsione ad un certo punto si guastarono, sebbene tutti i motori tranne uno furono riavviati.

Da allora la NASA ha iniziato i test a terra su un motore di propulsione simile, sottoponendolo a condizioni simili a quelle a cui è esposto in volo.

“Durante questo viaggio, abbiamo lanciato più dispositivi di propulsione del previsto”.Steve Stich, un alto funzionario della NASA, lo ha spiegato mercoledì. Ha aggiunto che questo test a terra dovrebbe permettere di “comprendere l’effetto del calore” generato.





“Non pensiamo di aver danneggiato le eliche.” Ma questi test dovrebbero consentire di “garantirlo”, ha affermato Mark Nappi, direttore senior della Boeing.

Il sistema di propulsione è fondamentale per il ritorno sulla Terra. I grandi propulsori forniscono la spinta principale, mentre i propulsori più piccoli – quelli su cui si stanno concentrando la NASA e la Boeing – assicurano il corretto orientamento del veicolo spaziale.

Ma anche se molti di questi piccoli propulsori non funzionano durante l’atterraggio, è possibile che altri ne prendano il controllo perché la nave ne ha più del numero richiesto per questa manovra, ha spiegato Steve Stitch.

Pertanto, la NASA garantisce che attualmente gli astronauti possano utilizzare la capsula in qualsiasi momento per tornare in caso di emergenza.

I team Boeing sono al lavoro anche per comprendere meglio un’altra anomalia: la scoperta di una perdita di elio a bordo della nave.

READ  La NASA afferma che gli astronauti vivranno sulla luna entro il 2030

L’elio, di cui dovrebbero rimanere riserve sufficienti nonostante le perdite, è un gas non infiammabile ma viene utilizzato nel sistema di propulsione.

Ritorno nella migliore delle ipotesi alla fine di luglio

Steve Stitch ha affermato che la data più ottimistica attualmente per il ritorno degli astronauti è “la fine di luglio”.

Questa missione, che è stata effettuata con anni di ritardo rispetto al programma iniziale dopo numerose delusioni durante lo sviluppo dello Starliner, dovrebbe consentire alla navicella spaziale di ottenere la certificazione della NASA e quindi iniziare le normali operazioni di taxi spaziale.

Nel frattempo, gli astronauti della NASA si sono già uniti alla Stazione Spaziale Internazionale grazie alla navicella spaziale Dragon di SpaceX da quattro anni.

L’agenzia spaziale americana vuole avere un secondo mezzo di trasporto grazie a Boeing, per poter affrontare meglio eventuali problemi in una delle capsule o situazioni di emergenza.

Steve Stich ha detto mercoledì che non c’è stata “nessuna discussione” con SpaceX sulla possibilità di inviare una navicella spaziale Dragon per riportare i due astronauti, il che sarebbe umiliante per Boeing.

“La prima opzione oggi è riportare Butch e Sonny con lo Starliner.”Ha insistito. “Al momento non vediamo alcun motivo per cui ciò non dovrebbe accadere”.






READ  Social network: TikTok ispirato a Twitch