Luglio 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il gruppo italiano Eni asseconda le richieste di pagamento di Mosca per il gas russo

Rilasciato martedì 17 maggio 2022 alle 18:14

La società energetica italiana Eni ha annunciato martedì la decisione di aprire un conto in Casprom Bank in euro e un altro in rubli, in linea con le richieste di Mosca di onorare i pagamenti per le forniture di gas russo nei “prossimi giorni”.

Eni promette in un comunicato che “l’obbligo di pagamento si adempie convertendo l’euro” e che la nuova procedura imposta a Mosca dalla Commissione europea “non rispetta le sanzioni vigenti”.

Il gruppo italiano, che è controllato dal 30,3% del governo, sembra avere la posizione opposta rispetto alle raccomandazioni della Commissione Europea secondo cui aprire un conto in rubli equivarrebbe a violare le sanzioni e portare a violazioni. Da Bruxelles.

Poche ore prima dell’annuncio del suo portavoce Eric Mamer Eni, la Commissione aveva dichiarato che “qualsiasi cosa al di là delle linee guida” emanate dagli Stati membri “violerebbe le sanzioni”.

Ha osservato che i segni erano “l’apertura di un conto nella valuta del contratto, il pagamento di questa valuta e la creazione di un avviso che chiude gli oneri per la fornitura del gas in questione”.

– Senza la Banca Centrale di Russia –

Secondo Eni, funzionari russi hanno confermato che “fatturazione e pagamenti continueranno in euro” – la valuta concordata – e “l’operatore della Borsa di Mosca sarà convertito in rubli entro 48 ore”. Senza l’intervento della Banca centrale russa.

Un’ordinanza del Cremlino ha introdotto una nuova procedura di pagamento in due fasi, prima depositata in euro o dollari su un conto Gasprombank e poi convertita in rubli in un secondo conto aperto presso la stessa società.

READ  Il pilota del Boeing 737 Max accusato di aver imbrogliato i regolatori statunitensi

Inizialmente, questo meccanismo di trasformazione prevedeva una transazione con la banca centrale russa, vietata dal regime sanzionatorio dell’UE.

“Come richiesto dalla Commissione Europea, la Commissione Italiana ha chiarito con Gasprom che “gli obblighi di pagamento saranno ritenuti soddisfacenti con il cambio dell’Euro da parte di Eni”, nota il Gruppo.

Mentre Bruxelles ha stabilito in diverse occasioni che un tale meccanismo di cambio del rublo viola le sanzioni dell’UE, gli Stati membri interessati a mantenere i propri prodotti, come Germania e Italia, hanno chiesto chiarimenti.

“Gli Stati membri sono responsabili del rispetto delle sanzioni ed è responsabilità delle autorità nazionali garantire che le aziende rispettino i propri obblighi sanzionatori”, ha affermato martedì il suo portavoce.

– Evitare interruzioni nella distribuzione –

La decisione di Eni è stata “condivisa con le aziende italiane”, sottolineando il gruppo, prima di aggiungere che si trattava di evitare “una possibile interruzione dell’approvvigionamento del gas”.

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha dichiarato mercoledì scorso che l’Italia era “molto fiduciosa” che sarebbe stata in grado di pagare il gas russo a maggio senza violare le sanzioni.

“Non c’è alcun rapporto ufficiale che le tariffe stiano violando le sanzioni, quindi questa è un’area grigia”, ha detto in una conferenza stampa a Washington.

L’Italia è fortemente dipendente dal gas russo perché importa il 95% del gas che utilizza, il 40% del quale proveniva dalla Russia nel 2021.

La Russia è fortemente dipendente dal gas e la Germania afferma di voler rispettare le raccomandazioni dell’UE sui pagamenti in euro o dollari, ma non è ancora chiaro se aprirà conti in rubli a nome di società tedesche presso Gazprombank.

READ  Come imparare l'italiano velocemente?

“Le aziende pagheranno le loro prossime bollette in euro”, ha detto lunedì il ministro dell’Economia tedesco Robert Hebeck, senza specificare se è possibile aprire conti in rubli. Sig. Secondo Hebeck, il meccanismo sarà comunque “conforme”.