Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il gruppo italiano Acciaierie Venete acquisterà tre siti francesi di Ascometal

Il gruppo italiano Acciaierie Venete acquisterà tre siti francesi di Ascometal

La storia dell’acciaieria Ascometal continua negli anni. Cinque anni dopo l’acquisizione da parte di un partner svizzero, una parte dell’azienda dovrebbe ora passare sotto bandiera italiana. Il produttore di acciaio Acciairie Venete, con sede a Padova, è in trattative esclusive con l’attuale proprietario Ascometal per rilevare le operazioni dei suoi tre siti francesi e del centro di ricerca e sviluppo. Una missione che conta complessivamente 700 dipendenti.

Acquisizione di un sito di colata e di due siti di lavorazione

L’acquisizione riguarda uno dei due siti principali di Askometal a Hakontange sulla Mosella, dove viene effettuata la colata continua di barre tonde laminate principalmente per il mercato automobilistico. Un impianto che contava 536 dipendenti (compresi stagisti e lavoratori temporanei) al 31 ottobre e ha vissuto un periodo di disoccupazione parziale fino all’autunno del 2023. L’altro importante sito produttivo, Foss-sur-Mer (Bouches-du-Rhône), che produce lingotti, billette, siviere, vergelle e barre, non è in trattativa.

Oltre al sito principale di Hacondange, l’italiano sta negoziando l’acquisto di due siti più piccoli di lavorazione a freddo, a Custins (Meurthe et Moselle) e Marais (Loira) e la gestione di un centro di ricerca nella Mosella.

Uno stakeholder chiave in difficoltà

L’attuale proprietario Swiss Steel, che conta 10.000 dipendenti e un fatturato di circa 4 miliardi di euro al 2023, ha rivelato senza molta precisione le trattative in corso, poiché da gennaio si svolgeranno incontri informativi con gli organi di rappresentanza dei lavoratori Ascometal. 8, 2024. Swiss Steel, che ha registrato un calo del fatturato del 20% nella prima metà del 2023, ha avviato un piano di ristrutturazione e ha cercato di vendere alcuni asset. Nella prima metà del 2023 si è verificato un deficit del gruppo. Da parte sua, Acciairie Venete è interessata a siti che offrano complementarità con le sue attività esistenti. Il potenziale acquirente è un’azienda familiare non quotata guidata da Alessandro Panzato. Dispone già di 10 siti produttivi, impiega 1.500 persone e sta sviluppando una capacità produttiva di acciaio di 2 milioni di tonnellate all’anno.

Acquisto per gruppo familiare

Secondo una fonte interna, gli italiani hanno scelto i siti che offrivano il migliore (o il peggiore profitto) e il potenziale di modernizzazione. Cerca di migliorare la propria capacità produttiva fuori dall’Italia e promette “un ambizioso programma di investimenti nei siti interessati”. [par le rachat]», in un comunicato stampa. Nel 2018, in occasione della precedente acquisizione, l’amministratore delegato di Swiss Steel (allora Schmolls + Pickenbach) aveva dichiarato di voler chiudere l’acciaieria nel sito di Hakondanch e fornire la ferrovia di Fosse-sur-Merile. dalle sue acciaierie tedesche. Un progetto che non si è concretizzato. Un rappresentante di Swiss Steel osserva che il gruppo non ha tagliato il personale nei siti industriali dal 2018.

I due siti Ascometal non coinvolti nell’operazione in corso sono Foss-sur-Mer e Dunes vicino a Dunkerque (Nord). “Si stanno esplorando tutte le opzioni per garantire il loro futuro”, si legge in un comunicato stampa di Swiss Steel, che sta cercando di liberarsene.

selezionato per te


READ  Netflix presenta la sua nuova sede italiana e i suoi prossimi progetti