Dicembre 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il ghiaccio nelle Alpi e nei Pirenei si sta sciogliendo più velocemente a causa della polvere del deserto e della fuliggine di carbonio

Negli ultimi due inverni, le immagini delle piste da sci ricoperte di un giallo brillante sono diventate virali sui social network. Se danno un aspetto terrificante alle stazioni, questo Polvere naturale del deserto Svolge anche un ruolo importante nel ghiaccio che si scioglie. Proprio come i depositi fuliggine di carbonioqueste particelle di combustione che a volte potrebbero farci pensare che i ghiacciai, colorati di una pellicola nera chiara, giacciono accanto a un’autostrada trafficata.

Un fenomeno di facile comprensione, perché più il colore è scuro, più assorbe la radiazione luminosa. È come se indossi una maglietta nera poco chiara e ti penti subito di non aver avuto una buona idea per scegliere il bianco. Quando è ricoperto da un sottile strato di polvere del deserto, o particelle “carbone nero”La massa della neve assorbe più energia solare e si scioglie più velocemente. Oltre a temperature più elevate, precipitazioni più basse e sintomi del riscaldamento globale, questi depositi aggravano la situazione.

Per determinare il vero impatto di queste impurità sullo scioglimento dell’oro bianco nelle Alpi e nei Pirenei, un team di ricercatori francesi e americani ha esaminato le osservazioni della neve nelle stazioni meteorologiche tra il 1979 e il 2018. Così hanno fatto le immagini satellitari. Questi dati, combinati con i modelli del clima e della neve, hanno permesso agli scienziati di determinare che “questi depositi di carbonio e fuliggine tendono ad anticipare la data di scioglimento della massa nevosa in media di 17 giorni rispetto agli ultimi 40 anni”, afferma Simon Gascoigne, un ricercatore CNRS au Centro per gli studi spaziali della biosfera a Tolosa, e co-autore di uno studio sull’argomento pubblicato sulla rivista Comunicazioni sulla natura.

Poiché è una media, in alcuni anni, a determinate altitudini, questo scioglimento a volte era previsto di 50 giorni. A volte solo pochi giorni.

READ  Tempo molto mite per le vacanze autunnali

I depositi di carbonio sono diminuiti tra il 1979 e il 2018

Ma secondo i ricercatori che hanno studiato l’argomento, avrebbe potuto essere peggio. “Il cambiamento climatico, dovuto alle temperature più elevate, sta accelerando lo scioglimento. Abbiamo potuto osservare che questo effetto è compensato, in parte, da una diminuzione del black carbon negli ultimi 40 anni. Se avessimo lo stesso livello di deposizione di particelle oggi come negli anni ’80, questo L’accelerazione nello scioglimento della massa nevosa sarà più evidente”, aggiunge Marion Revellette Istituto di Geoscienze Ambientali a Grenoble.

Gli sforzi per ridurre l’inquinamento industriale o quelli impiegati per migliorare le emissioni dei veicoli, in particolare l’impegno per l’uso di convertitori catalitici e filtri antiparticolato, stanno avendo un impatto molto reale sul nostro ambiente. Ed è tutt’altro che trascurato quando conosciamo l’importante ruolo dello scioglimento della neve sulla risorsa idrica. Può alimentare dighe idroelettriche, producendo così energia che al momento è gravemente carente. Viene anche recuperato attraverso dighe in montagna, dove l’acqua viene rilasciata regolarmente per ricostituire i fiumi in caso di siccità. Gli stessi fiumi e torrenti utilizzati per irrigare i campi degli agricoltori, nonché alcune stazioni di acqua potabile nei comuni francesi.