Dicembre 3, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il figlio dell’ex dittatore Gheddafi sorprende il candidato presidenziale in Libia

Con sorpresa di tutti, e mentre di recente non si sapeva dove si trovasse, Seif al-Islam, 49 anni, con la barba sale e pepe e con gli occhiali, è arrivato a Sebha (a sud), uno dei tre centri di applicazione, con Tripoli (a ovest). ) e Bengasi (Est), secondo le foto riportate dai media locali.

Avvolto in un mantello marrone e turbante dello stesso colore legato in stile beduino come faceva suo padre, firmò i documenti con l’aiuto del suo avvocato. Intendeva poi versetti del Corano e poi concludeva con la frase “Dio vi benedica” indirizzata al personale dell’Alta Commissione Elettorale.

L’Alta Commissione elettorale nazionale ha annunciato che “il candidato Saif al-Islam Muammar al-Gaddafi ha presentato i suoi documenti di candidatura all’ufficio dell’Alta Commissione elettorale nazionale a Sebha, soddisfacendo tutte le condizioni legali richieste dalla legge n. 1 relativa all’elezione del capo di Stato.” In un comunicato stampa. Gli è stata rilasciata anche la tessera elettorale.

A fine luglio Saif al-Islam in un’intervista al New York Times ha accennato alla possibilità di un suo ritorno nell’arena politica.

Il culmine di un estenuante processo sponsorizzato dall’ONU, delle elezioni presidenziali del 24 dicembre e delle elezioni legislative previste un mese dopo, dovrebbe voltare pagina su un decennio di caos e lotte fratricide dalla caduta del regime di Muammar Gheddafi. Nel 2011 durante una rivoluzione popolare.

dubbi

È stato catturato da un gruppo armato a Zintan, nel nord-ovest della Libia, nel novembre 2011, ed è stato condannato a morte nel 2015 dopo un rapido processo.

Tuttavia, lo stesso piccolo gruppo si è rifiutato di consegnarlo alle autorità o alla Corte penale internazionale, che lo sta cercando dal 2011 per “crimini contro l’umanità”.

Il gruppo lo ha rilasciato nel 2017 e ne ha perso le tracce.

Lo status di Saif al-Islam Gheddafi presso la Corte penale internazionale non è cambiato. Secondo la notifica pubblicata nel 2011, è ancora ricercato”, ha detto ad Al-Ahrar Libia Fadi Abdullah, portavoce della Corte penale internazionale.

Per la comunità internazionale, indire elezioni è essenziale per calmare la situazione nel Paese, che ha le più grandi e abbondanti riserve di petrolio dell’Africa.

Le elezioni presidenziali – le prime nella storia del paese – e le elezioni legislative rimangono molto incerte, nonostante le rinnovate tensioni tra i due campi rivali a ovest ea est.

Dopo la nomina di Saif al-Islam, sono rimaste molte domande sulle questioni del feldmaresciallo Khalifa Haftar, l’uomo forte della Libia orientale, e del primo ministro Abdel Hamid Dabaiba, che sono state evidenziate durante la conferenza sulla Libia di venerdì a Parigi.

Il feldmaresciallo Haftar si è sospeso dal servizio militare – misura essenziale – tre mesi prima della data delle urne, ma deve ancora presentare la sua candidatura. In teoria, il signor Al-Dhaiba non può essere candidato perché è un membro del governo ad interim, a meno che le urne non vengano rinviate.

Paure di tornare

Per Wolfram Lacher, esperto di Libia dell’Istituto del Partito socialista tedesco dei lavoratori, la nomina di Saif al-Islam “presentata nonostante i mandati di cattura emessi dalla Corte penale internazionale (…) complicherà ulteriormente il processo elettorale”.

Questo è molto controverso a causa di una legge elettorale per le elezioni presidenziali che non definisce chiaramente i poteri del futuro presidente e non è stata votata ma è stata ratificata direttamente dal suo leader, Aguila Saleh, amico intimo del maresciallo Haftar.

Per Jalil Harchaoui, specialista in Libia del think-tank Global Initiative, “il vertice di Parigi di venerdì ha già suggerito indirettamente che non ci sarà un voto quest’anno. Mettendosi in chiaro, Seif sta aggiungendo alla confusione esistente”.

Per le strade di Tripoli, anche Nizar Al-Hadi, 33 anni, ha espresso la preoccupazione che “invece di risolvere il problema, lo complicherà ulteriormente”. “È totalmente ingiusto! Sappiamo cosa è successo nel 2011.

Stessa sofferenza per Ramzi Doss Trabelsi trentenne. Secondo lui, questa candidatura è “indubbiamente accettabile per alcuni. Ma accetterà la Libia così com’è oggi, o ci riporterà indietro?”

READ  Austria: da lunedì reclusione per chi non è vaccinato