Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il controllo di Microsoft su Activision Blizzard deve affrontare una tripla minaccia

Il controllo di Microsoft su Activision Blizzard deve affrontare una tripla minaccia

BRUXELLES (awp/afp) – Microsoft è nella prima fase di una campagna per convincere le autorità garanti della concorrenza dell’Unione Europea, del Regno Unito e degli Stati Uniti ad accettare la sua offerta per l’acquisizione di Activision Blizzard, proprietaria dei giochi di successo “Candy Crush” e “Call Of Duty”.

Il proprietario di Xbox ha poche settimane per convincere i tre regolatori che la proposta fusione da 69 miliardi di euro non rappresenta una minaccia per i suoi concorrenti. Le decisioni sono attese in primavera.

Bruxelles ha aperto un’indagine a novembre, affermando di temere che Microsoft potesse “assicurarsi l’accesso ai videogiochi di Activision Blizzard” per console e PC, incluso il popolare “Call of Duty” e che era tentata di escogitare “strategie di sfratto per i distributori concorrenti”.

L’esecutivo europeo è preoccupato anche per l’impatto sul mercato dei sistemi operativi, ritenendo che i consumatori potrebbero essere scoraggiati dall’acquistare PC non Windows visto che i flagship del colosso statunitense diventano più appetibili grazie all’accesso ai giochi Activision Blizzard.

Le preoccupazioni non sono meno acute nel Regno Unito e negli Stati Uniti.

Sony, produttore di PlayStation, la console più venduta sul mercato, afferma che l’accordo darà a Microsoft la possibilità di limitare l’accesso dei concorrenti al popolare franchise.

Il colosso americano risponde dicendo che erigere barriere non avrebbe senso dal punto di vista finanziario.

Il più difficile da convincere potrebbe essere il regolatore britannico (CMA), che ha stimato a febbraio che l’acquisizione potrebbe danneggiare i consumatori, nelle conclusioni preliminari.

Il mercato del Regno Unito è più piccolo del mercato statunitense o dell’UE, ma il blocco CMA potrebbe costringere Microsoft a fare marcia indietro.

READ  Perché la chat GPT4 è diventata "pigra"

Microsoft dovrà rispettare le condizioni imposte dalla CMA, altrimenti il ​​gruppo sarà costretto a ritirare tutti i suoi prodotti dal mercato britannico, stima Anne Witt, esperta di diritto della concorrenza presso EDHEC (Francia).

Tuttavia, “è inconcepibile che Microsoft si ritiri completamente dal Regno Unito. Non si tratta solo di videogiochi, ma anche di Windows”, il sistema operativo per PC più venduto al mondo, ha detto ad AFP.

possibili incongruenze

“La CMA è la prima autorità garante della concorrenza a vietare l’acquisizione di tecnologia significativa a livello globale”, ricorda questo esperto, riferendosi alla decisione del novembre 2021 di costringere il proprietario di Facebook Meta a vendere la startup di animazione Giphy.

Se la CMA adotta una linea più dura di Bruxelles su Microsoft/Activision Blizzard, sarà la prima volta dalla Brexit che il regolatore britannico si ritirerà dall’UE su una questione così significativa. Ma una tale incoerenza darebbe al Redmond Group un valido motivo per contestare la decisione in tribunale.

Tuttavia, il mese scorso, la CMA ha minimizzato le sue preoccupazioni sulla fusione, affermando che alla fine non si trattava di un problema per le console di gioco, con solo i servizi di cloud gaming che rimanevano interessati.

La CMA ha concluso che “non sarebbe commercialmente vantaggioso per Microsoft mantenere l’esclusività di Call of Duty sulla (sua console) Xbox” e che il gigante informatico statunitense “avrebbe comunque un incentivo a continuare a rendere disponibile il gioco su PlayStation”.

L’autorità britannica deve prendere la sua decisione entro il 26 aprile, mentre la Commissione europea deve prendere la sua decisione entro il 22 maggio. Potrebbe anche essere che uno di loro sia in contrasto con l’autorità statunitense (FTC) che a dicembre ha avviato un’azione legale per bloccare l’acquisizione.

READ  Date Season 2 Fall Guys, quando inizia? - Rompi capovolgi

“È possibile che il Regno Unito e l’UE, e quindi la FTC, giudichino il processo come non competitivo”, stima Eleanor Fox, professore alla Law School della New York University (NYU). “È anche possibile che ci possano essere disaccordi sui rimedi proposti o sul consentire a Microsoft di assumere determinati impegni” per ottenere il via libera.

Durante la sua recente visita a Bruxelles, Brad Smith, dirigente di Microsoft, ha espresso fiducia nell’approvazione dell’Unione Europea, dopo aver raggiunto accordi per rendere “Call of Duty” accessibile a più giocatori, distribuendo giochi digitali su console Nintendo e servizi concorrenti. .

afp/rp