Gennaio 19, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il complotto dell’italiano Marco Frigo

Questa sta diventando un’abitudine a Ronde de l’isard. Il team SEG Racing Academy ha vinto per la quarta volta consecutiva il primo round di una competizione internazionale riservata ai piloti di età inferiore ai 23 anni. Questa volta è stato l’italiano Marco Frigo, che si è dimostrato molto intelligente e ha vinto ancora una volta in solitaria a Montauban al termine della prima fase che è stata allo sbando. Anche in questo caso, questa è una tradizione delle corse cara a Guy Sans. Dall’inizio alla fine, non si “sbroglia”. Dai primi ettometri, colpisce. Tra i coraggiosi, l’unico Arizius della manifestazione, Elliott Philippon. Il giovane residente di Occitanie Training mostra tutte le sue opzioni lì. Ma il livello è più alto con 124 piloti all’inizio di quest’anno. A una distanza di 100 km dal traguardo, 8 e 11 di loro si sono diretti verso il cielo. Non lo sappiamo ancora, questa è la mossa giusta. Il reggimento era intrappolato. Ai piedi della seconda salita quel giorno, Costa d’Avorio, la squadra si è divisa in due. Le grandi manovre sono iniziate.

Una visita a sorpresa favorevole a un uomo solo

Dietro, guidato dal team di sviluppo Uno-Xdare, c’è il singolo file Peloton. Le squadre lo prendono insieme. Ma non l’abbiamo mai sentito prima. A tre chilometri dalla fine, l’italiano Marco Frigo tenta la fortuna su un falso piano in salita. Potente, è facile e veloce. Ha poi aumentato la sua presenza a Montaban con un finale contorto, vincendo con un bel cuscino (già) di 30 secondi davanti a Max Walker (Trinity Racing) e Aaron Vander Beacon (Lotto Southern Development Team). Speriamo che nel 2019 i campioni d’Europa dell’Italia ottengano la loro prima vittoria della stagione. “Avevo poca fiducia che la sosta sarebbe andata alla fine. Nel gruppo abbiamo guidato senza fare molto. Ho dovuto aspettare lo sprint”. Ha fatto bene. Col senno di poi, chi può non è al sicuro, ma quasi. Maxime Richard (CC Etupes Le Doubs Pays de Montgelliard) ha dato tutto. Il francese ha tirato bene insieme a Elliott Pierre. “Con Elliott, siamo stati un po’ onesti. Il frigorifero era molto forte”. Prima della settima finale dell’anno scorso, Maxim Richard ha dovuto ritirarsi dopo una caduta. “Ho ancora mal di gola”. Lui, come molti altri, ha l’ambizione di vedere brillare Ronde de l’sard nel 2021.

READ  Morto allo zoo italiano il rinoceronte bianco "Nonno Toby" più antico del mondo

Ancora oggi dobbiamo spogliarci per ingoiare i 168 chilometri tra Faudouas (Tarn-et-Garonne) e Lannemezan (Alti Pirenei). Un passaggio che non avviene nel parco. È anche indicato come “Valle” dagli organizzatori. Gli scalatori leggermente più bassi dovrebbero tentare la fortuna prima degli ultimi tre giorni pieni di cuore. Mark Frigo ha già allargato le distanze per la prima fase. Questo è solo un inizio. La Ronde non è mai avara di sorprese, scene e colpi di scena.