Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I segreti scientifici delle opere d’arte

I segreti scientifici delle opere d’arte

Oggi ci parli di opere d’arte

Sì, perché mercoledì prossimo, 8 marzo, si terrà al Liliad Education Center for Innovation, nella Città Scientifica di Villeneuve-d’Ascq, un convegno aperto a tutti e gratuito del giornalista e opinionista Loic Mangin, che parlerà rivelare alcune opere di segreti scientifici dell’arte.

Alcuni di questi segreti ci verranno svelati prima del tempo!

naturalmente! Ce n’è ad esempio uno relativo a Cristo in Croce di Salvador Dalì intitolato Corpus Hypercubus. Bene, questo dipinto è una vera e propria finestra sulla quarta dimensione! Come la Croce di Dali lì come un supercubo quadridimensionale visto dal nostro spazio tridimensionale. Sì, Dali aveva delle ottime nozioni di matematica! Un altro esempio riguarda l’Altare dell’Agnello Mistico dei fratelli Van Eyck, che si può ammirare nella Cattedrale di Gand. Il segreto riguarda il frutto che Eva tiene in mano.

Non è una mela?

NO. E infatti, da nessuna parte nella Bibbia è scritto che il frutto proibito fosse una mela. Lucas Cranach raffigura una mela nel suo Adamo ed Eva, ma Michelangelo raffigura un fico nella Cappella Sistina. Sull’altare dei fratelli van Eyck chiaramente non è una mela, la buccia è come un agrume, e ci sono volute una vera indagine per identificare finalmente… il pomo d’Adamo. Questo è il nome di una varietà di limoni che Jan van Eyck potrebbe aver scoperto durante uno dei suoi viaggi in Spagna.

READ  Cosa cambierà su WhatsApp a novembre

Eva che morde il pomo d’Adamo! Grande !

La scienza permette anche di datare le opere d’arte in modo molto accurato. Questo è il tempo dell’astronomia e della geografia che cercheremo. La posizione della luna in Lever de lune – Haystacks di Vincent van Gogh indica che è stata dipinta il 13 luglio 1889 alle 21:08. Il livello della marea e la posizione del sole nel dipinto Impression Soleil levant di Monnet ci permettono di datarlo a mercoledì 13 novembre 1872, alle 7:35, il che è assolutamente personale. Ad esempio, è la fisica che permette di comprendere il piccolo miracolo dei colori della coppa di Licurgo.

Coppa di Licurgo?

Si tratta di una coppa di vetro romana del IV secolo, attualmente al British Museum. Quando la tazza è accesa normalmente, è verde. Se metti la fonte di luce all’interno della tazza, è rossa.

Il colore cambia a seconda della posizione di illuminazione?

esattamente ! Questo perché è fatto di vetro, oro zaffiro, che contiene una lamina d’oro. Sono scaglie nanometriche, quindi non visibili ad occhio nudo, e la cosa straordinaria è che non sono pigmenti o coloranti, che di solito danno il colore alle cose.

Ma da dove vengono i colori?

Questi sono chiamati colori strutturali, perché nascono dall’interazione della luce con la struttura del materiale stesso. Ci sono anche colori scheletrici nelle ali della farfalla, in particolare il morpho, che è di un blu molto metallico se visto attraverso il riflesso, mentre le ali sono traslucide se la fonte di luce è dietro la farfalla. Per saperne di più, vi invito ad ascoltare Loïc Mangin mercoledì prossimo. E se avete tempo, venite presto a visitare la mostra sui preziosi dipinti di Auguste Ponsot, nell’edificio proprio di fronte. Vedrai le accurate immagini a colori strutturali. Sono centenari e poiché non sono coinvolti coloranti, non si sono stropicciati e i loro colori sono più vivaci delle solite immagini. Vi metto come sempre tutte le informazioni su ramenetascience.fr.

READ  YouTube Music ora supporta i dispositivi Wear OS