Luglio 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I salari dovrebbero essere indicizzati più velocemente del previsto

Un nuovo superamento dell’indice centrale è previsto a settembre e poi a gennaio 2023.

Tempo di lettura: 1 minuto

IlI prossimi eccessi dell’indice centrale dovrebbero verificarsi il prossimo settembre e poi nel gennaio 2023, secondo l’ultima previsione mensile dell’Ufficio federale della pianificazione pubblicata venerdì. È un mese prima di quanto previsto all’inizio di maggio.

L’inflazione dovrebbe salire all’8,1% quest’anno, rispetto al 3,5% del 2023. L’aumento dell'”indice di salute”, utilizzato, tra l’altro, per calcolare l’indice di salari, assegni sociali e affitti sarà del 7,6% nel 2022 e 3,6% nel 2023, rispetto al 2,01% nel 2021 e allo 0,99% nel 2020.



L’indice centrale degli assegni sociali e degli stipendi nel settore pubblico è stato raggiunto l’ultima volta nell’aprile 2022. Pertanto, gli assegni sociali e gli stipendi nella funzione pubblica saranno adeguati al costo della vita, ovvero il 2%, rispettivamente a maggio 2022 e giugno 2022 L’indice deve essere raggiunto nuovamente a settembre 2022 e poi a gennaio 2023 e non dovrebbe essere raggiunto nuovamente prima del 2024.



READ  Prix ​​​​de l'énergie: les panneaux solaires sont-ils sinonimo di bonne affaire?