Luglio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I ricercatori identificano un “interruttore” che attiva la morte cellulare

I ricercatori identificano un “interruttore” che attiva la morte cellulare

Agenzia di stampa francese

Messico: l’uragano Otis si è indebolito dopo essere atterrato vicino ad Acapulco

L’uragano Otis, considerato un uragano “potenzialmente catastrofico”, si è indebolito dopo essere atterrato mercoledì vicino ad Acapulco, una popolare località balneare sulla costa pacifica del Messico occidentale, dove l’uragano ha causato un’interruzione delle comunicazioni. Finora non abbiamo informazioni sulla perdita di vite umane, ma il presidente Andrés Manuel López Obrador ha dichiarato nella sua conferenza stampa quotidiana: “Non ci sono comunicazioni”, e il presidente ha parlato di “danni materiali”, riferendosi ai “crolli” lungo l’autostrada che porta ad Acapulco, Ha sottolineato che il governo sta cercando di ripristinare le comunicazioni. “Mettiti al riparo, resta in luoghi sicuri: fiumi, ruscelli, valli remote e sii vigile”, ha avvertito delle interruzioni di corrente dopo un’interruzione precauzionale, secondo i media locali, quando il tifone si è abbattuto da martedì notte a mercoledì. Secondo i video diffusi sui social media, le persone colpite e i turisti negli alberghi hanno posizionato letti e materassi per proteggere le loro stanze. Mercoledì mattina, la governatrice Evelyn ha insistito con gli abitanti dello stato di Guerrero (sud-ovest), dicendo: “Chiedo di non abbassare la guardia”. Ma Otis è stato declassato alla categoria 2, rispetto alla precedente 5, sulla scala Saffir-Simpson, secondo il National Hurricane Center (NHC) degli Stati Uniti, e l’uragano si muoveva a 17 chilometri all’ora con venti di 175 chilometri all’ora. A circa 100 chilometri a nord-ovest di Acapulco, ad Acapulco, i residenti si sono barricati nelle loro case, dopo aver immagazzinato cibo e acqua. Gli hotel sono pieni al 50%, le autorità locali hanno preparato aree di accoglienza negli ostelli, i soldati pattugliano la spiaggia e le scuole sono chiuse per ordine del governo dello stato di Guerrero. Al largo della costa del Pacifico, l’uragano si è rafforzato in poche ore. – Paulina, Norma, Patricia, Ingrid… -La governatrice Evelin Salgado ha insistito sull’importanza del coordinamento tra le autorità e le forze armate per il “benessere della popolazione e la prevenzione dei rischi” in un Paese regolarmente colpito dagli uragani. Il 9 ottobre 1997, la località costiera di Acapulco fu colpita dall’uragano Paulina, che uccise più di 200 persone e provocò uno dei disastri naturali più gravi del paese, ad eccezione del terremoto. La settimana scorsa, l’uragano Norma ha ucciso tre persone poco più a nord, nello stato di Sinaloa. Norma è approdata due volte, prima sulla penisola della Bassa California, poi nello stato di Sinaloa. Il Messico, situato tra l’Oceano Pacifico e il Golfo del Messico, è vulnerabile agli uragani durante la stagione da maggio a ottobre e novembre. Decine di depressioni ogni anno possono trasformarsi in uragani abbastanza distruttivi. Ma l’uragano più forte mai registrato, Patricia, nell’ottobre 2015, con venti che hanno raggiunto i 325 chilometri orari, ha causato solo danni materiali perché è entrato nella regione attraverso una zona montuosa disabitata. Regione. Nel settembre 2013, l’uragano Ingrid nel Golfo e la tempesta tropicale Manuel nel Pacifico hanno dominato contemporaneamente il Messico. Con l’aumento della temperatura della superficie dell’oceano, aumenta la frequenza degli uragani più intensi (o uragani o tornado, a seconda della regione). Ma non il loro numero totale. Secondo il Gruppo internazionale di esperti climatici (IPCC), la percentuale di uragani particolarmente intensi (categorie 4 e 5) dovrebbe aumentare del 10% rispetto all’era preindustriale con un aumento delle temperature di +1,5°C. C del 30%, e rappresenta in particolare un rischio sempre più importante per le comunità costiere vittime di inondazioni da onde (chiamate anche inondazioni marine) aggravate dall’innalzamento del livello degli oceani, che causano inondazioni e inquinamento salino del territorio e dell’acqua dolce. Livello del mare e fenomeni di inondazione marina Entro il 2050, secondo Giec.str/sem/st/ref/sba/jt, oltre un miliardo di persone vivrà in città costiere vulnerabili

READ  Emicrania, un problema di salute ancora stigmatizzato