Novembre 30, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Manifestano gli operatori specializzati del settore sanitario

Manifestano gli operatori specializzati del settore sanitario

In quanto membro del Fronte Comune e con un mandato di sciopero che ha ottenuto il sostegno del 99% dei sindacali consultati, il sindacato ha cercato di mettere sul tavolo delle trattative una delle sue richieste, vale a dire: “riscuotere più salari di quanto sia necessario per mantenere lavoratori specializzati nelle reti pubbliche”. La manifestazione è avvenuta come parte di una campagna nazionale, così chiamata Per reddito permanente.

Tali azioni sono avvenute fuori dagli ospedali di Trois-Rivières, Shawinigan, Nicollet, Drummondville e Victoriaville.

Spostamento della forza lavoro

“Quello che bisogna sapere è che i lavoratori specializzati fanno parte del fronte comune delle rivendicazioni al tavolo centrale [de négociations]. “Ma il governo ignora le nostre richieste al riguardo”, spiega Marie-José Hamelin, presidente della SPPSAM.

“Là, almeno, ciò che chiediamo al governo è di sedersi con il comitato del lavoro affinché si possa ottenere, soprattutto, fidelizzazione e attrazione. Perché vengono a lavorare, ma non restano lì perché la concorrenza altrove è più.

Questo squilibrio tra il settore pubblico e quello privato porterebbe quindi, secondo il sindacato, ad una sorta di privatizzazione della rete sanitaria. “Quando queste persone se ne vanno, la prima cosa che sappiamo è che stanno tornando attraverso la porta di un subappaltatore. Vengono pagati di più e, per di più, il subappaltatore realizza un profitto. Tutti svolgono gli stessi compiti.”

“Ci vogliono persone stabili nelle unità di servizio. Prendo l’esempio di un idraulico che lavora in un edificio da diversi anni. Quando si presenta un problema, sa già dove andare per riparare ciò che è rotto”, aggiunge la signora Hamlin “Ciò vale per tutti i tipi di lavori tra gli operai specializzati”.

READ  Argelès-sur-Mer: una meritata pausa per Albères Athletic Sport Santé

Emarginato elettromeccanico?

Per contrastare la rivolta e prevenire l’esodo di lavoratori specializzati dal settore sanitario, lo Stato del Quebec offre già da diversi anni un bonus “attract to keep” del 10% su questo tipo di assunzioni. Nel 2022, questo è stato ampliato per includere meccanici e conducenti di veicoli pesanti. Tuttavia, alcune professioni come l’ingegneria elettromeccanica non ne hanno ancora diritto, denuncia la SPPSAM.

“L’elettromeccanica è una categoria a parte. Non sappiamo bene perché il datore di lavoro, o il governo e l’erario, non concedono loro il bonus che riceve la stragrande maggioranza dei lavoratori specializzati”, sottolinea il presidente del sindacato. è questo bonus che Sonia Lebel riduce, ripristina, riduce, e tu lo restituisci. Recentemente ha detto il 15 ottobre che era finita, ma non sappiamo davvero perché, e sembrava che stesse pensando di riprendersela.

“Come si suol dire, dividi et impera. Ciò significa che ho un meccanico elettromeccanico che lavora in uno degli edifici. Lui incontra l’idraulico della porta accanto. “Questo ha un bonus del 10% mentre l’operaio elettromeccanico no”, continua Marie- Josè Hamlin.

Lei spera che le trattative in corso nel settore pubblico consentano ai lavoratori specializzati di mettersi al passo con i loro colleghi del settore privato, anche se non si aspetta necessariamente miracoli in questo senso. Il 6 novembre è previsto anche il primo giorno di sciopero dei membri del Joint Front Union.

“Ci auguriamo che la questione venga risolta rapidamente, ma stiamo facendo del nostro meglio per approfondire la nostra organizzazione e i preparativi. Saremo pronti”, afferma il presidente. “Quando avremo un mandato di sciopero del 99%, penso che le persone che rappresentiamo ci dicono che sono stufi, che sono senza fiato, che sono “stanchi”.

READ  Dovremmo preoccuparci del calo degli studi di matematica alla stazione?