Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I libanesi in Israele sono divisi tra la paura della guerra e la speranza di tornare in patria

I libanesi in Israele sono divisi tra la paura della guerra e la speranza di tornare in patria

La piccola comunità cristiana libanese in Israele segue attentamente la situazione. La maggior parte di loro è stata espulsa dal Libano nel 2000 e sostiene lo Stato ebraico nella speranza che un giorno possano tornare in territorio libanese.

pubblicato


Tempo di lettura: 2 minuti

Questa foto dal nord di Israele mostra un proiettile sparato dalle forze israeliane, che è esploso sulle colline del Libano meridionale, il 9 novembre 2023. (JALAA MAREY / AFP)

Vivono in Israele, divisi tra il loro paese d’origine e la loro patria. I libanesi in Israele assistono all’escalation del conflitto sul fronte settentrionale, tra lo Stato ebraico e Hezbollah. Lo scontro a fuoco quotidiano tra l’esercito israeliano e gli Hezbollah libanesi si è intensificato negli ultimi giorni, nel pieno della guerra nella Striscia di Gaza tra Israele e il movimento palestinese Hamas, di cui Hezbollah è alleato.

Il comandante del Comando Nord israeliano, Uri Gordin, ha parlato giovedì 6 giugno, dicendo che anche i suoi uomini erano “Prestiti” Per combattere il Libano. La situazione è particolare per la piccola comunità cristiana libanese in Israele, che fu sostanzialmente espulsa nel 2000 al momento del ritiro israeliano dal Libano meridionale. Questi libanesi in Israele vivono attualmente tra la paura della guerra e la speranza di tornare un giorno alle loro case.

“Speriamo che gli israeliani arrivino ed eliminino Hezbollah, e non è possibile fare la pace con loro”. Lo attesta Helen, una donna cristiana sulla cinquantina che ha lasciato il Libano quasi 30 anni fa con il marito, un ufficiale druso dell’esercito dello Stato ebraico. “Eravamo sospettati di collaborare con Israele”.Dice di questo periodo, poco prima del 2000, l’anno del ritiro israeliano dal Libano meridionale, un’area occupata da 18 anni.

READ  I deputati respingono la mozione di censura diretta contro il governo Mitsotakis

Oggi Helen parla principalmente in ebraico. “I cristiani hanno sempre desiderato la pace con Israele”. Dice. Helen ha pianto il giorno della strage del 7 ottobre, innanzitutto per il suo Paese d’adozione, ma soprattutto perché le atrocità commesse dai terroristi di Hamas hanno riportato alla luce ricordi fino ad allora ben sepolti.

“Quello che è successo il 7 ottobre è accaduto nel mio villaggio in Libano. I palestinesi sono venuti e hanno massacrato, violentato le ragazze e ucciso i bambini. Hanno decapitato mio padre. Così sono crollato il 7 ottobre.”

Helen, una donna libanese che vive in Israele

In Francia Informazioni

“Ho sofferto per le vittime. Avevo 9 anni all’epoca e ho sofferto la stessa cosa. L’hanno installato nella chiesa e hanno messo esplosivi ovunque. Volevano solo bruciare tutto. Poiché siamo cristiani, il 7 ottobre mi ha preso. ” Sono tornato alla mia infanzia e mi sono ricordato dell’orrore che ho vissuto nel mio villaggio.“, tu credi.

Ogni anno, Helen e altri libanesi provenienti da Israele si riuniscono a Metulla, vicino al confine, per piangere i loro morti. Ma dal 7 ottobre ciò è diventato impossibile, a causa della continua minaccia rappresentata dai droni e dai missili anticarro di Hezbollah.

Testimonianza di un cristiano libanese residente in Israele, compilata da Thibaut Lefebvre