Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I biscotti Oreo sono sotto il fuoco della critica

La fabbrica che produce gli Oreo è sotto accusa per aver usato l’ammoniaca per spalmare i suoi famosi biscotti.

Tempo di lettura: 2 minuti

IlIl quotidiano olandese Noordhollands Dagblad ha rivelato martedì che il produttore olandese di cacao Olam, con sede a Koog-on-the-Zaan, nel nord dei Paesi Bassi, ha mescolato per anni ammoniaca tossica con fave di cacao macinate per riscaldare i suoi famosi biscotti Oreo. Il governo olandese era a conoscenza di tali pratiche.

Per diversi anni, Olam è stata criticata dai residenti locali e dagli ambientalisti in particolare per le sue emissioni di ammoniaca. L’azienda si è a lungo difesa spiegando che l’ammoniaca veniva rilasciata naturalmente durante la lavorazione delle fave di cacao. Tuttavia, la società non ha menzionato l’aggiunta di quantità significative di ammoniaca per scurire artificialmente il cacao.

Su richiesta di Olam, l’Agenzia olandese per l’ambiente ha taciuto sull’aggiunta di decine di migliaia di chilogrammi di ammoniaca nel processo di produzione dei biscotti Oreo.

Eric Nederhand, CEO di Olam, difende che “c’è poca o nessuna ammoniaca nel prodotto finale. Il suo uso come additivo alimentare è elencato nelle informazioni tecniche di ciascun ingrediente”.

Un informatore ha avvertito il giornale che l’impianto non è mai stato progettato per gestire grandi quantità di ammoniaca. “L’ammoniaca penetra in ogni angolo e fessura e il fetore è insopportabile. L’ambiente? Questo non ha importanza per i dirigenti dell’azienda. Si preoccupano del cacao amaro in polvere e di ciò che ne ricavano”, afferma.

Mondelez, il produttore dei biscotti Oreo, sottolinea che la confezione elenca il “carbonato di ammonio” come ingrediente. “L’uso di carbonato di ammonio negli alimenti non influisce sulla qualità o sulla sicurezza del prodotto”, assicura la portavoce del marchio Annick Verdegem.

READ  "O era un grosso mezzo pesante e l'autista non se ne è accorto o è scappato".