Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“I bambini dormivano fuori sui bagagli.”

“I bambini dormivano fuori sui bagagli.”

Elmira ha approfittato delle vacanze di primavera per portare i suoi due figli in Egitto. Soggiorno perfetto per la famigliola finita malissimo. Per tornare a casa in Inghilterra. La madre ei suoi due figli dovettero fermarsi a Venezia. Il viaggio era solo una fonte di problemi. È iniziato con un ritardo di oltre sei ore, come ho spiegato agli specchi. Nessuno ci ha detto perché il nostro aereo era così in ritardo. Ci è stato solo detto di aspettare e non ci hanno offerto da bere o altro. »

Alla fine, con grande ritardo, l’aereo è decollato. Un volo tranquillo… fino all’atterraggio, momento scelto dal pilota per annunciare che l’aereo atterrerà all’aeroporto di Verona. In altre parole, 120 km dalla destinazione prevista. «Diceva che era chiuso, che andavamo a Verona ma non dovevamo preoccuparci», ricorda la madre.

Un duro colpo per i passeggeri. “Io e i miei figli avevamo della corrispondenza da portare, e altri avevano delle auto prenotate. Se sono stati forniti quattro furgoni, hanno fatto irruzione e si sono riempiti rapidamente. Alle 2 del mattino, lei e i bambini sono stati abbandonati al loro destino”. Scusa.” Wizz Air avrebbe dovuto fornire il trasporto a tutti! Un impegno che non è stato rispettato, stando alle sue parole.

L’unica soluzione per la madre per raggiungere la sua destinazione in taxi. “Sarebbe costato 300 euro, e comunque all’epoca non c’era niente di disponibile”, spiega. “Siamo rimasti lì. I bambini hanno dormito fuori sui sacchi. Cinque ore dopo, prendendo un taxi e tre nuovi biglietti aerei, Elmira ei suoi figli sono riusciti a tornare a casa.”

READ  La Corte Internazionale di Giustizia chiede che i palestinesi siano protetti dal “pericolo reale e imminente” di genocidio

Una rimonta movimentata per la quale il britannico sta ora cercando di ottenere un risarcimento. Così ho contattato l’agenzia con cui ho prenotato il suo volo ma ho ricevuto solo una promessa di “importo sconosciuto e solo per l’ultima parte del viaggio”. Tuttavia, per Elmira e i suoi figli, il danno è molto maggiore. Quindi la madre deve rivolgersi alla compagnia aerea Wizz Air. Ma è impossibile lamentarsi perché le informazioni di accesso fornite da MyTrip… non funzionano. Quando niente va bene…