Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Ho perso 17 chilogrammi dalla fine dell'avventura”: Koh-Lanta è stata la svolta per l'avventuriero eliminato martedì sera

“Ho perso 17 chilogrammi dalla fine dell'avventura”: Koh-Lanta è stata la svolta per l'avventuriero eliminato martedì sera

La personalità non le manca. Alicia non ha nascosto nella sua immagine le difficoltà che incontra nei rapporti umani. “Sono molto onesto, sono molto duro e non chiedo mai scusa. La sfida più grande nella mia vita saranno le persone“, dichiarò l'imprenditore. Ma non fu il carattere a prevalere sulla sua avventura Koh Lanta: Cacciatori di immunità. Martedì sera, se otto compagne della Rossa hanno votato contro di lei, è stato soprattutto perché era stata la più debole nei test fisici. “Sono un po' deluso di partire così presto, sì. Ma allo stesso tempo mi dico che è un gioco e quindi non ha importanza. C'è sempre un primo e un ultimo. Sono il primo giocatore rosso ad andarsene.

Koh Lanta “Cacciatori immunitari” ©TF1

Mentre te ne vai, dici che sei arrabbiato con Emily e Cecile che ti hanno voltato le spalle votando contro di te. Sei ancora arrabbiato con loro?

No, per niente più. Ammetto che ero molto turbato. Ma dopo abbiamo potuto chiarire Ko Lanta. Ho capito la loro scelta. Quando analizzo gli eventi e mi vedo in una sfida mi dico che devo essere obiettivo, ero ancora il più debole della squadra. Non era una follia voler arrendersi alla prima prova senza rendersi conto di quanto sarebbe stato difficile.

Se dovessi rifarlo, ti prepareresti diversamente per Koh Lanta?

In effetti, non ero affatto preparato a ciò Ko Lanta. In un certo senso sono entrato in modalità campo estivo. Per rifarlo mi sarei preparato più fisicamente. Ma, ancora una volta, non pensavo che sarebbe stato così difficile.

READ  Audrey è stata avvelenata dai molluschi di Alex | Charlie assume Nathan - Il domani ci appartiene Jun 30, 2022 (Episodio 1219) | Domani è nostro

Il numero minimo di spettatori per 'Koh-Lanta: The Immunity Hunters'

Nonostante le tue esitazioni, eri comunque molto popolare tra i Reds. Pensi che la buona intesa con i tuoi colleghi possa essere un tuo vantaggio durante il consiglio?

Sì, naturalmente. Quando sono arrivato all’avventura, mi sono detto che dovevo uscire dalla mia zona di comfort. Quindi sono uscito per parlare con le persone, discutere e creare connessioni. Sfortunatamente, dal punto di vista atletico, Julie, anche lei nella posizione calda, era migliore di me. Pensavo che l'umano avrebbe trionfato sul fisico ma mi sbagliavo. Puoi essere gentile, ma quando fai perdere la tua squadra, non si può tornare indietro. Finalmente sì, torniamo in Francia! ” (Lui ride)

Cos'è successo con Giulia?

È una ragazza molto analitica. Analizza le persone prima di parlare con loro. Non avevo alcun legame reale con lei. Le nostre differenze erano molto chiare. Oggi parliamo ma non siamo i migliori amici del mondo.

All'inizio dell'avventura, Emily era quella con cui pensavi di non andare d'accordo…

Tre secondi dopo, sapevo che aveva la mia stessa personalità. Era un effetto specchio. All'improvviso ho capito che sarebbe stato complicato. O ci scontreremo costantemente, oppure andremo d'accordo. Questo è quello che è successo alla fine.

La tua esperienza a Koh Lanta ti ha cambiato?

Quando siamo tagliati fuori dal mondo, non abbiamo altra scelta che parlare con le persone intorno a noi, anche se normalmente non lo faremmo. Tutto questo mi ha insegnato molto sugli esseri umani. Durante la mia discussione con Julie, ciò che mi ha detto David mi ha fatto interrogare me stesso. Ne sono cresciuto. Per me in realtà c'è stato un prima e un dopo Ko Lanta. Ho deciso di prendermi cura di me stesso. Mi alleno ogni giorno e guardo cosa mangio. Da allora ho perso 17 chilogrammi Ko Lanta. Sono anche più attento ed empatico. Sono passato da social a social!

READ  Questi segnali trarrebbero beneficio da una spinta straordinaria

Questa è una malattia grave che voleva nascondere durante l'avventura

“Non sono un fanatico Ko Lanta. Non avrei mai sognato questa avventura. In più non ho seguito molto le vecchie stagioni. Mi sono iscritta per caso quando ho visto il casting e sono stata accettata al primo tentativo.Questi commenti di Alicia potrebbero far sussultare di rabbia i più grandi fan dei giochi d'avventura che si candidano da anni senza successo.

Ciò che ha spinto la giovane a partecipare allo spettacolo è stata la voglia di intraprendere una doppia sfida. Nella nostra intervista, ci ha detto che soffre di fibrosi cistica, una malattia genetica potenzialmente fatale che colpisce i polmoni e il sistema digestivo. “Le sue condizioni di salute”stabile“Poco più di due anni fa, Alicia ha deciso di fare il grande passo.”Volevo fare uno spettacolo di sopravvivenza in cui dovevi superare te stesso. Mi sono detto che ero fortunato a poter cambiare le cose con una produzione che accetta persone diverse. Volevo dimostrare a me stesso fino a che punto potevo arrivare“, ha spiegato prima di aggiungere che questa malattia spiega perché ha avuto così tante difficoltà con le sue sfide fisiche.”Non ho il cuore per una persona normale. Non riesco a respirare al 90% della mia capacità. Può essere un ostacolo.

“Non ho mai avuto paura di smettere di presentare Koh-Lanta”: Denis Brugniart mette fine alle voci sulla sua partenza dallo show

Tutto è organizzato affinché Alicia possa vivere la sua avventura nel miglior modo possibile. “Durante tutto il processo di casting, ho visto molti dottori e ho visto i miei dottori. Durante l'avventura, prima e dopo i test, ho potuto consultare i medici. Se c’era stato un piccolo problema, il personale medico non era lontano per riportarmi in Francia.

READ  Il capo di Spotify rivela perché la collaborazione con il principe Harry e Meghan Markle è fallita | Regni

Tuttavia, nessuno al di fuori della produzione sapeva della sua malattia. “Non l'ho detto ai miei compagni, né alla mia foto, perché volevo che la gente sapesse chi sono veramente e non quello che ho. Volevo essere giudicata per quello che sono e non per quello che ho.