Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ha avvelenato 30 pazienti per provocare un arresto cardiaco e ha dimostrato il suo talento come medico di rianimazione: l’accusa chiede il rinvio dell’ex anestesista Frédéric Pichet.

Ha avvelenato 30 pazienti per provocare un arresto cardiaco e ha dimostrato il suo talento come medico di rianimazione: l’accusa chiede il rinvio dell’ex anestesista Frédéric Pichet.

“L’accusa ha chiesto l’archiviazione di Frédéric Pichet a causa dei 30 presunti casi di avvelenamento legati a tutti i casi di cui è stato accusato.”Lo ha annunciato il pubblico ministero di Besançon, Etienne Mantoux, nel corso di una conferenza stampa.

I fatti di cui è accusato non hanno nulla a che vedere con l’eutanasiaIl giudice ha confermato. «Ciò di cui è accusato èAvvelenare pazienti sani, danneggiare i colleghi con cui era in conflitto“.

Il pubblico ministero ha insistito “L’aspetto atipico e insolito delle accuse che gettano un’ombra sugli imputati”.

Delle centinaia di persone che probabilmente hanno avuto accesso alle sale operatorie in tutti i casi identificati, “Solo Frédéric Pichet era presente a tutti i presunti avvelenamenti“, ha confermato il Sig. Manto.

Interventi semplici

L’ex anestesista, 52 anni, è sospettato di aver contaminato le sacche per le iniezioni dei pazienti di due cliniche private a Besançon tra il 2008 e il 2017. Per provocare un arresto cardiaco e poi dimostrare le sue capacità di rianimazionema anche per screditare i suoi colleghi con i quali aveva un disaccordo.

In totale, l’anestesista è stato infine accusato di 30 casi, inclusi 12 decessi. In altri due casi, a causa dell’insufficienza delle accuse, al signor Pichet è stato concesso lo status più appropriato di testimone accessorio.

Il caso è iniziato quando un anestesista di una clinica di Besançon ha lanciato l’allarme dopo che si erano verificati tre arresti cardiaci inspiegabili in pazienti durante un intervento chirurgico.

Nella stragrande maggioranza dei casi, gli esperti ne hanno notato la presenza “forti dubbi” – in alcuni casi “certezza” – Che talvolta venivano somministrate sostanze in dosi letali ai pazienti che venivano per essere operati nelle due cliniche di Besançon dove le dirigeva il signor Bischier, e che queste operazioni spesso non erano pericolose.

READ  COVID-19 : la santé publique du Canada consiglio de ne pas baisser la garde | Coronavirus

Tra i prodotti trovati in overdose nei test condotti sui pazienti, alcuni dei quali morirono e dovettero essere estratti: lidocaina, anestetico locale e perfino potassio.

Le dosi sono 100 volte superiori

Dosi di potassio “100 volte più grande” a quelli attesi E così è stato trovato in una paziente sulla trentina, hanno notato gli esperti. Anche un bambino di 4 anni ha avuto un infarto ed è rimasto in coma per due giorni.

Anche molti dei suoi colleghi anestesisti notarono la presenza del signor Pichet nel momento in cui i pazienti erano vittime di eventi avversi gravi (SAE) sul tavolo operatorio, erano sconvolti da questi brutali eventi avversi e vedevano il dottor Pichet arrivare per somministrare l’antidoto.

“Frédéric Pichet è stato il primo a soccorrere quando si è verificato l’arresto cardiaco.”continuò il signor Manto. Secondo i suoi colleghi. “Aveva sempre una soluzione.”, “Pensava che fosse meglio.”, “Responsabile della rianimazione presso la clinica”anestesista stella di Besançon. “Ha creato un salvatore davvero carismatico”..

Nei casi di avvelenamento in cui morivano pazienti, era maggiormente in conflitto con i colleghi a cui ciò accadeva. Lo ha notato anche il pubblico ministero giovedì.

Dopo essere rimasto in silenzio durante diversi interrogatori, Frédéric Pichet ha incriminato i suoi ex colleghi durante una delle udienze, affermando che la maggior parte degli interrogatori erano il risultato di “errori medici” da parte loro.

Per quanto riguarda il signor Piccier, l’unico caso confermato di avvelenamento si è verificato quando ha anestetizzato lui stesso un paziente, nel gennaio 2017. “Ha anche nominato colui che è stato veleno per lui in questo singolo caso.”Il Pubblico Ministero aveva ritrattato nel corso di una precedente conferenza stampa.

READ  Voli di rimpatrio: il Ministero della Salute chiarisce la scelta del Portogallo sulla Spagna