Luglio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: gli ex soldati di Wagner fanno una terribile confessione: “Aveva cinque anni, le ho sparato alla testa” (VIDEO)

Guerra in Ucraina: gli ex soldati di Wagner fanno una terribile confessione: “Aveva cinque anni, le ho sparato alla testa” (VIDEO)

In un’intervista al fondatore Gulagu.netI soldati di Vladimir Ussishkin ammettono di aver commesso diversi atroci crimini di guerra in Ucraina. Rivelano dettagli agghiaccianti come quando hanno ucciso più di 20 bambini e adolescenti ucraini e fatto saltare in aria un pozzo contenente 60 prigionieri infetti. Tutto ciò che dovevano fare per ordine di Prigozhin.

Durante l’intervista, Azamat Uldarov ha affermato che il capo di Wagner ha chiesto agli uomini di “ripulire completamente” le città di Bakhmut e Solidar nell’Ucraina orientale. L’intera popolazione, comprese donne, bambini e anziani, doveva essere sterminata ad ogni costo.

Ha anche confessato di aver ucciso una bambina di 5 anni. “Stava urlando, era una bambina di circa 5-6 anni. E gli ha sparato alla testa.»

Guerra in Ucraina: Medvedev, l’ex presidente russo, attacca la Polonia, “il Paese scomparirà con il suo stupido primo ministro”

Il soldato dice di aver dovuto liberare il seminterrato di un edificio che ospitava quasi 400 cittadini ucraini. Circa 40 di loro erano bambini. I russi affermano che non aveva altra scelta. “Non avevo il diritto di far scappare nessuno. persona. Ci è stato ordinato di sbarazzarci di tutti”., Egli ha detto. “Abbiamo ucciso tutti: donne e uomini, pensionati e bambini, soprattutto i più piccoli. Secondo Azamat, le atrocità sono avvenute il mese scorso.

Il russo ammette anche che i membri di Wagner si addestravano regolarmente per uccidere i soldati ucraini. “Principalmente con un coltello. Gli tagliamo la gola e spariamo. Quando Prigozhin ha detto di usare un martello, ne abbiamo preso uno e con esso abbiamo ucciso qualcuno. Questo è il suo metodo. È una persona terribile”.

READ  Olivier Vandecastele lancia la piattaforma “Protect Humanitarian Workers” per “proteggere le persone che proteggono”

Nel frattempo, Aleksey Savichev ha ammesso di aver sparato in tutto a “più di venti” adolescenti ucraini. “Avevamo l’ordine di sparare a chiunque avesse 15 anni o più. Più di venti persone sono state uccise. Almeno dieci di loro hanno un’età compresa tra i 15 e i 17 anni”..

Alexey racconta anche come lui e altri combattenti di Wagner hanno dovuto lanciare bombe a mano in un fosso, nel quale sono stati gettati circa 60 prigionieri feriti. Respiravano, quindi erano vivi, ma non urlavano..

Durante l’intervista di 77 minuti, nessuno dei due soldati ha espresso rimorso per le proprie azioni. Inoltre, Azamat Uldarov sottolinea che vorrebbe tornare al fronte per continuare a combattere contro gli ucraini.