Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: ecco le nuove sanzioni Ue contro la Russia

In risposta all’ulteriore escalation della guerra in Ucraina, gli Stati membri dell’UE hanno nuovamente concordato di imporre sanzioni alla Russia. Sanzioni che costeranno alla Russia circa 7 miliardi di dollari.

Tempo di lettura: 3 minuti

unDopo aver raggiunto un accordo politico sulla questione mercoledì, gli Stati membri dell’Unione Europea hanno anche formalmente concordato l’ottavo round di sanzioni contro la Russia in risposta all’escalation della guerra in Ucraina. I dettagli delle nuove sanzioni appariranno nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea nelle prossime ore.

Le sanzioni sono state approvate alla velocità della luce. Appena una settimana fa, sono stati proposti dalla Commissione Europea. Si tratta di “una serie di misure dolorose progettate per aumentare la pressione sul governo e sull’economia russi, indebolire l’influenza militare della Russia e far pagare al Cremlino il prezzo dell’ultima escalation”, si legge in un comunicato del Consiglio (degli Stati membri ) di giovedì. L’impulso concreto per l’ottavo round di sanzioni è stato l'”escalation” causata dall’organizzazione russa di referendum sull’annessione in Ucraina, la mobilitazione di centinaia di migliaia di russi e la nuova minaccia di dispiegare “armi nucleari”.

Di recente, lunedì, il primo ministro belga Alexandre de Croo ha espresso le sue riserve sulle sanzioni per le biciclette. Secondo lui, le sanzioni finora adottate non hanno mancato di colpire la stessa Unione Europea, ma sono state “in generale”. “Ma più ci allontaniamo dalle nuove sanzioni, maggiore sarà l’impatto sproporzionato su alcune regioni”, ha affermato, riferendosi agli effetti asimmetrici che sentiranno i diversi Stati membri. Quindi esorto alla prudenza (…) e potremmo dover lavorare con disposizioni transitorie o sulla base di impegni settoriali. »

Belgio interessato

Secondo fonti informate, il Belgio – sotto l’influenza della regione vallona – aveva espresso preoccupazione per le nuove restrizioni al commercio di acciaio russo durante la discussione a livello europeo. Il nostro Paese aveva chiesto un periodo di transizione. Non è un caso che lunedì il deputato del Partito socialista Andre Flahaut abbia menzionato i pericoli della chiusura delle fabbriche. “Se accettiamo questo ottavo round di sanzioni, è chiaro che in Belgio due stabilimenti (la compagnia siderurgica russa) NLMK a Clabeck e Louvier saranno direttamente interessati”, ha affermato.

Cosa è proibito

Tuttavia, l’industria siderurgica russa è già nel mirino delle nuove sanzioni. Ad esempio, saranno vietate le importazioni in Europa di prodotti finiti e semilavorati di acciaio dalla Russia, sebbene vi sia un periodo di transizione per alcuni semilavorati.

In totale, le nuove restrizioni commerciali dovrebbero avere un impatto economico di circa 7 miliardi di euro sull’economia russa. Oltre all’acciaio, altre importazioni vietate dalla Russia all’Europa sono carta, pasta di legno, gioielli, macchinari, plastica e veicoli. D’altra parte, non sarà possibile esportare nuovi componenti elettronici e armi da fuoco per uso civile dall’Europa e alcuni servizi di consulenza e legali saranno banditi.

READ  "Questi mostri hanno trascorso solo 5 anni in prigione mentre Tony dovrà combattere per tutta la vita a causa della loro crudeltà"