Cava de' Tirreni EVIDENZA Salerno

Servalli e i princìpi del TAR

Fuochi e luminarie di Sant’Antonio: il compromesso del TAR. Ora i festeggiamenti in onore del santo si spostano al parcheggio Tolomei

«Buone notizie dal TAR»: così il sindaco Vincenzo Servalli, nel pomeriggio di ieri, ha anticipato – con un veloce aggiornamento sul proprio profilo Facebook – il verdetto del Tribunale Regionale pronunciatosi finalmente sul ricorso presentato da padre Luigi Petrone in merito alla questione fuochi su Monte Castello in occasione dei festeggiamenti di Sant’Antonio.

scuola santa lucia

Ma il fatto che il primo cittadino abbia parlato di “buone notizie” (al plurale) non è stato certo un caso e infatti dal TAR sarebbero arrivate novità anche riguardo la questione ospedale e il futuro del reparto di ginecologia ed ostetricia. Insomma, pare che quella di ieri si sia rivelata una vittoria doppia per l’amministrazione comunale.
Sul caso dei festeggiamenti di Sant’Antonio, il dispositivo del TAR – dopo l’anticipo social di Servalli – è stato diffuso in serata. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (sezione staccata di Salerno) ha respinto la domanda di sospensione presentata da Fra’ Luigi Petrone sugli effetti dei provvedimenti impugnati da Servalli all’indomani della richiesta di sparare i fuochi d’artificio su Monte Castello.

A risolvere la questione è bastato un compromesso: da quanto si apprende dal documento, infatti, a seguito di «diversa richiesta di accensione dei fuochi esternata dal Rettore della Provincia Religiosa, il sindaco si è pronunciato favorevolmente». Un passaggio chiarito dal legale di padre Luigi, l’avvocato Alfonso Senatore, che ha confermato che i fuochi verranno sparati comunque ma nella piazza antistante il santuario francescano. Soluzione questa che era stata avanzata anche qualche giorno fa ma che aveva visto inizialmente scettico lo stesso Senatore preoccupato che la Questura non conceda i dovuti permessi.

Dal fronte ospedale, invece, pare che il Tar abbia nominato il commissario ad acta per la riapertura del reparto di ginecologia. Indiscrezioni sulle quali, però, Servalli non si è voluto esprimere in attesa dell’ufficialità che dovrebbe arrivare in giornata.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi