Marzo 4, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Groenlandia, fonte di metano ma non fonte di emissioni

Groenlandia, fonte di metano ma non fonte di emissioni

Secondo uno studio dell’Università di Copenaghen pubblicato sulla rivista Nature Communications Earth & Environment, la Groenlandia assorbe più metano, un potente gas serra che accelera il riscaldamento globale, di quanto ne emette.

• Leggi anche: La Groenlandia ha perso il 20% di ghiaccio in più del previsto negli ultimi 40 anni

• Leggi anche: L’estate artica del 2023 è stata la più calda mai registrata

• Leggi anche: In Groenlandia, gli orsi polari hanno dovuto adattarsi a causa del riscaldamento globale

“In media dal 2000, le aree secche e libere dai ghiacci della Groenlandia hanno consumato più di 65.000 tonnellate di metano all’anno dall’atmosfera, mentre 9.000 tonnellate di metano vengono rilasciate ogni anno dalle sue zone umide”, ha osservato l’università in un comunicato stampa. Mercoledì.

Questi risultati sono incoraggianti perché il metano, il secondo maggior contributore al riscaldamento globale dopo l’anidride carbonica, è particolarmente dannoso per l’ambiente. Secondo le Nazioni Unite, è responsabile di circa il 30% dell’aumento delle temperature a partire dalla Rivoluzione Industriale.

Per i ricercatori, il fenomeno della Groenlandia è “in parte spiegato dall'estensione delle zone aride della Groenlandia, dove il metano viene consumato dall'atmosfera negli strati superiori del suolo, e in parte dal fatto che le zone libere dai ghiacci della Groenlandia sono stati così da allora.” L'ultima era glaciale.

“Ciò significa che non hanno mai immagazzinato molto carbonio, il che potrebbe portare a significative emissioni di metano, come si può misurare altrove nell’Artico”, ha spiegato il geologo Bo Elberling, che ha condotto lo studio.

In Groenlandia, il metano viene assorbito da un gruppo unico di microrganismi nello strato superiore del suolo artico, che ingeriscono il metano che entra nella Terra dall’atmosfera e lo convertono in anidride carbonica. L’effetto è meno dannoso per il clima, è stato accertato.

READ  Ecco cosa sappiamo già di Twake Workplace

Questa conoscenza, che il team ha considerato “una buona notizia per il clima”, potrebbe essere utile per sviluppare modelli climatici.

Resta da vedere se questi risultati potranno essere trasferiti al resto dell’Artico, una regione considerata una “bomba a orologeria climatica”.

“La conclusione non è che la Groenlandia avrà un impatto sulla quantità totale di metano nell’atmosfera globale o che sarà fondamentale per i bilanci del metano dell’Artico”, sottolineano i ricercatori.

Aggiungono che “l’assorbimento di metano in Groenlandia è molto basso rispetto ad altre fonti di metano conosciute” come la Siberia.

Il metano dura nell’atmosfera 12 anni, rispetto ai secoli dell’anidride carbonica, ma il suo effetto sul riscaldamento globale è 25 volte più forte di quello dell’anidride carbonica.

Viene rilasciato in modo significativo nell'atmosfera quando il permafrost (o permafrost) si scioglie nell'Artico, il che a sua volta porta ad un aumento del riscaldamento e quindi a un continuo scioglimento.