Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La telecamera più grande del mondo monitorerà l'universo dal Cile

La telecamera più grande del mondo monitorerà l'universo dal Cile

Il Nord del Cile, uno dei luoghi più adatti alle osservazioni astronomiche con le sue montagne brulle e i cieli limpidi, si prepara a ricevere la più grande macchina fotografica astronomica mai costruita al mondo con la speranza di rivoluzionare lo studio dell'universo.

La coda di un grande schermo e di un dispositivo da 2,8 tonnellate, il dispositivo sarà installato su un telescopio in costruzione e permeato lo schermo del cavo come è all'altezza, sottopone all'AFP le responsabilità del progetto finanziario da lei presentato . Stato unito.

La gigantesca fotocamera, che costa circa 800 milioni di dollari, inizierà a scattare le prime foto nella prima metà del 2025. Ogni tre giorni esplorerà il cielo, ripetendo il movimento all’infinito.

Passeremo dallo “studio di una stella e di tutta la fisica approfondita di quella stella allo studio di miliardi di stelle contemporaneamente”, si rallegra Bruno Dias, presidente della Società Astronomica Cilena (Sochias).

“Sarà un salto di qualità nell'astronomia”, afferma Stuart Corder, vicedirettore del centro di ricerca americano NoirLab, che gestisce l'osservatorio situato a oltre 2.500 metri di altitudine sul Cerro Pachón, 560 chilometri a nord della capitale. Santiago.

Con questo progetto, il Cile rafforza la sua posizione nel campo dell'osservazione astronomica, poiché sul suo territorio è stato installato un terzo dei telescopi più potenti del pianeta, secondo i dati della Società Astronomica Cilena.

La fotocamera LSST (Legacy for Future Generations) dovrebbe contenere dati su venti milioni di galassie, 17 miliardi di stelle e sei milioni di oggetti spaziali in dieci anni.

READ  Quando la tecnologia ti aiuta a dormire meglio: ecco 5 dispositivi per dormire bene

Gli scienziati avranno un catalogo rinnovato di immagini del sistema solare, potranno mappare la Via Lattea e fare progressi nello studio dell'energia e della materia oscura.

-300 televisori per un'immagine-

Il dispositivo conterrà un sensore digitale da 3.200 megapixel e per vedere una delle sue immagini ci vorranno più di 300 televisori di medie dimensioni ad alta definizione messi insieme.

Il dispositivo è prodotto in California e triplicherà la capacità della fotocamera più potente attualmente disponibile, la Hyper Suprime-Cam giapponese da 870 megapixel. Sarà anche sei volte più potente dell'attuale fotocamera più potente di NoirLab.

Il telescopio che integrerà ha uno specchio dal diametro di 8,4 metri. È ormai scomparso il telescopio da 40 cm arrivato in Cile più di 60 anni fa, quando il primo osservatorio internazionale del paese fu installato sul Cerro Tololo negli anni '60.

“Questo telescopio è arrivato qui a dorso di mulo, perché non c'era strada”, spiega Stephen Heathcote, direttore dell'Osservatorio del Cerro Tololo, situato a una ventina di chilometri dal Cerro Pachón.

– Capitale dell'astronomia –

L'Osservatorio Vera C. Rubin, che prende il nome dall'astronomo americano che scoprì la materia oscura e che ospiterà la gigantesca telecamera, è uno dei principali centri astronomici del Cile.

Le condizioni naturali delle regioni desertiche settentrionali del paese, situate tra l'Oceano Pacifico e le Ande, generano i cieli più limpidi del pianeta, grazie alla bassa nuvolosità e al clima secco.

Il Cile ospita telescopi provenienti da più di trenta paesi, tra cui alcuni degli strumenti astronomici più potenti del mondo, come il telescopio spaziale ALMA o l'Extremely Large Telescope, lo strumento ottico più potente mai costruito, che osserverà distanze dal 2027 mai più prima raggiunto.

READ  Domanda di discussione: Intelligenza artificiale: amica o nemica? Resta al passo con La Une e Avio in diretta

Sebbene anche altri paesi come gli Stati Uniti, l'Australia, la Cina e la Spagna abbiano installato potenti apparecchiature di osservazione, “il Cile è imbattibile” nel campo dell'astronomia, afferma il presidente della Società Astronomica Cilena.