Aprile 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli scienziati hanno scoperto come i nostri antenati hanno perso la coda

Gli scienziati hanno scoperto come i nostri antenati hanno perso la coda

Che siano alti o piccoli, funzionali o primitivi, ce ne sono molti VertebratiVertebrati Hai una coda. Molti…ma non tutti. Fanno eccezione alcuni rari gruppi di animali. tra di esso, UmanoidiUmanoidi, che riunisce gli esseri umani e alcune grandi scimmie. Tuttavia, questa caratteristica è molto utile e può migliorare l'equilibrio di chi la possiede, fungere da mezzo di comunicazione o difesa e persino da termostato! Ma allora come spiegare il fatto che non abbiamo più nulla? Uno studio pubblicato in prima pagina sulla prestigiosa rivista natura Si noti il ​​ruolo principale svolto dall'inclusione di parte diADNADN Specifico – chiamato AluY – in imbarazzatoimbarazzato TBXT, è coinvolto nello sviluppo (o meno) della coda negli animali.

Abbiamo trovato il famoso “anello mancante” dell’umanità? Scopri i colpi di scena di una delle scoperte più importanti della nostra esistenza su questo pianeta. ©Futuro

Vantaggio evolutivo o anomalia cerebrale?

I ricercatori hanno utilizzato topi geneticamente modificati per simulare questo processo. Hanno scoperto che l’inserimento di AluY nel gene TBXT nei topi ha portato alla produzione di una versione modificata di questo gene: TBXTΔexon6.

L'espressione di TBXTΔesone6 nelle cellule di topo ha comportato la riduzione o addirittura la scomparsa delle code di cavia. I risultati indicano che un fenomeno simile si è verificato circa 25 milioni di anni fa, portando in futuro alla scomparsa della coda negli esseri umani. Questa modifica GeneticoGenetico Ciò può essere spiegato dai vantaggi evolutivi associati al bipedismo, ma può anche essere collegato a un problema osservato in alcuni topi, ovvero un difetto nello sviluppo del tubo neurale, una struttura embrionale che si sviluppa per formare il sistema nervoso. Il sistema nervoso centraleIl sistema nervoso centrale.

READ  Previsioni stagionali per il resto dell'inverno fino a marzo