Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Gli abbiamo detto… una ragazza che non ha un’arma non può.”


Chiaramente, ci sono ancora progressi da fare per quanto riguarda l’inclusione. Per Elaine, 9 anni, un pomeriggio al Parc de Bocas in Francia non era sinonimo di belle risate. Domenica 28 agosto ha il diritto come ogni anno di fare una gita in famiglia con i suoi genitori e il resto dei fratelli al parco divertimenti principale della Seine-Maritime, vicino a Clères. Elaine, che vive a Mathonville, vicino a Bauchi, ha un’asimmetria, manca la mano sinistra e gran parte dell’avambraccio.

“Abbiamo fatto un giro divertente con piccole barche che terminavano con una ‘slitta’”, dice sua madre, Sandy Godot. Ma una volta sistematosi, la persona responsabile dell’attrazione gli ha detto: “La bambina senza armi è non è possibile, non può fare il giro”, testimonia. – È nei pilastri della Parigi-Normandia.” La bambina “è uscita piangendo”.

La madre di Elaine denuncia la mancanza di professionalità: “Abbiamo poi scoperto che c’era un cartello all’inizio della fila che il parco avrebbe dovuto rifiutare i casi di disabilità per motivi di sicurezza. Ma mi sarebbe piaciuto che qualcuno me lo avesse detto prima piuttosto che aspettare 45 minuti per niente. Soprattutto quando ho pagato la tariffa normale alla cassa. Lì non ci è stato detto nulla della disabilità di mia figlia “, si lamenta Sandy.

READ  La doppia dose di vaccino Pfizer protegge il 70% dei casi gravi di Omicron