Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gas “arma di guerra”: Mosca annuncia la riapertura delle valvole Nord Stream | Invasione russa dell’Ucraina

La Russia sembra pronta a riprendere le consegne di gas in Europa tramite il gasdotto Nord Stream sabato, dopo una breve manutenzione, secondo i dati dell’operatore del gasdotto di venerdì.

La riapertura delle valvole sarebbe un sollievo per i paesi dell’UE, ma senza dissipare i loro timori di nuove interruzioni quest’inverno in questo importante gasdotto che collega la Russia alla Germania settentrionale.

Gli ordini di spedizione, pubblicati sul sito Web dell’operatore del gasdotto Nord Stream, affermano che i flussi dovrebbero iniziare alle 02:00 (00:00 GMT) al 20% della capacità normale, lo stesso livello della precedente occupazione di manutenzione.

Questo lavoro è iniziato mercoledì e ha ridotto a zero il transito. Gli annunci dei volumi previsti possono variare e devono essere confermati dagli stream effettivi. La società energetica russa Gazprom ha giustificato la sospensione dei flussi con la necessità di lavori di manutenzione sull’impianto di compressori situato in Russia.

arma di guerra

Nel contesto della guerra in Ucraina, l’energia è al centro del confronto tra Mosca e l’Occidente, che regolarmente accusano la Russia di usare il gas come “arma”. Un funzionario tedesco ha definito l’interruzione di questa settimana “tecnicamente incomprensibile”. Gazprom ha costantemente ridotto le quantità consegnate da Nord Stream negli ultimi mesi. A luglio l’azienda ha già effettuato lavori di manutenzione di dieci giorni su un gasdotto che è stato poi riavviato ma con un altro calo delle consegne.

Prima dell’invasione russa dell’Ucraina, Nord Stream trasportava circa un terzo dei 153 miliardi di metri cubi di gas che l’Unione europea acquista ogni anno. La Germania esporta parte delle quantità consegnate sul suo territorio nel continente. Per compensare i volumi persi, i paesi europei stanno cercando di trovare altri fornitori e di ridurre i propri consumi in un contesto di aumento dei prezzi del gas sui mercati.

READ  Il medico trova un poster di una campagna di vaccinazione forzata risalente al 1905: "Il tono non era quello di oggi"

Leggi anche

Le spedizioni di gas russe verso l’Europa sono state interrotte