Marzo 4, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Giornata internazionale delle donne nella scienza: biochimica, medicina, energia nucleare… Foto di sei scienziate dell'Occitania

Giornata internazionale delle donne nella scienza: biochimica, medicina, energia nucleare… Foto di sei scienziate dell'Occitania

Domenica 11 febbraio 2024 è la Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza, un'occasione per onorare molte figure dell'Occitania. Sei ricercatori della regione spiegano come hanno sviluppato il loro campo e perché è importante che le donne ne assumano il controllo.

Le donne nella scienza sono sotto i riflettori questa domenica. Decenni dopo Marie Curie, Ada Lovelace e Sally Ride… Midi Libre presenta sei studiose della regione. Ci raccontano del loro lavoro e dell'importanza di rompere i soffitti di vetro per le donne.

Claude Grayson: “Fai ciò che ami”

“Penso che quando sei una donna sia più difficile fare studi scientifici.” Vincitore dentro Premio Inventore Europeo 2022 E il Premio Innovazione 2014 del CNRS, Sigillo della Legione d'Onore… Il biochimico Claude Gresson è riuscito a ripulire con le piante siti fortemente inquinati da metalli pesanti. Al culmine della loro rivoluzione ambientale, le piante vengono poi riutilizzate per scopi farmaceutici o cosmetici.

Claude Grayson.
medico.

Appassionata di natura, la 63enne è considerata una pioniera nel suo campo di ricerca, un successo che attribuisce alla sua perseveranza e forza: “Le donne sono spesso combattenti e non si scoraggiano facilmente. Lavorano per convinzioni e valori… è una grande forza.”

IL “Sevin meraviglioso”IL “ricco” La natura dell'Occitania, il mare… hanno portato il mondo nel mondo dei piccoli: “Ero interessato a tutto. Osservavo gli insetti e le piante e volevo approfondire una scala più piccola, fino alle molecole.”. Agli aspiranti scienziati, consiglia di adottare un approccio frenetico: “Fai ciò che ami, fai ciò che ti parla, fai ciò che ti entusiasma e se ti impegni avrai successo.”

Aurora Pignata: “La rappresentanza è una questione globale”

Il vincitore del premio “Giovani talenti” Da L'Oréal-UNESCO Nel 2023, Aurora Pignata dedica la sua ricerca scientifica allo studio delle malattie infiammatorie croniche del sistema nervoso centrale, come la sclerosi multipla (SM). Oggi la patologia colpisce più di 120mila persone in Francia. I loro risultati suggeriscono che alla fine si potrebbero prendere in considerazione nuovi tipi di trattamenti.

Leggi anche:
Fascicolo sanitario. “Abbiamo fatto enormi progressi”: cure e diagnostica… dov'è la ricerca sulla sclerosi multipla?

Se non lavora sul campo, con pazienti e trattamenti, il suo obiettivo è comprendere meglio la malattia: “Il fatto che questa malattia colpisca così tante giovani donne mi motiva. Sono una giovane donna.”

Aurora pignata.

Aurora pignata.
Fondazione L'Oréal – Clemence Losfeld

Originaria dell'Italia, Aurora Pignata ha attraversato diverse istituzioni universitarie prima di arrivare all'Istituto di malattie infettive di Tolosa, e a volte ha dovuto affrontare l'autocompiacimento: “Sono stata portata a credere che le ragazze non potessero proseguire gli studi scientifici. Non ho ricevuto alcun sostegno dai miei insegnanti uomini. Ho vissuto con una certa preoccupazione la relazione dominante che si stava sviluppando”.

secondo UNESCOc'è solo Il 28% dei ricercatori sono donne Nel mondo, questa è la carenza di cui soffre il campo scientifico: “Privarsi di questa diversità significa privarsi di risorse vitali. La rappresentanza delle donne nella scienza è una questione globale.”

Marie Villaris: “Il viaggio è pieno di insidie”

Originario dei Pirenei orientali, fantastico vincitore di premi “Giovani talenti” L'Oréal-UNESCO 2021 ha effettuato parte del suo studio a Montpellier. Ha iniziato a lavorare presso il Sourduy Institute for Infectious Disease Research nel 2023. Ogni giorno ricerca i collegamenti tra il cancro e alcune infezioni.

Maria Villaris.

Maria Villaris.
Jean-Charles Casslot

Il ricercatore 27enne è stato attratto dall'insegnamento e ha creato un account Instagram. @ScienzaMaViVersare Generalizza i tuoi oggetti di ricerca : “Ho iniziato durante la pandemia e c'erano molte informazioni che andavano in tutte le direzioni. Volevo dare le chiavi in ​​modo che le persone capissero. Realizzo brevi video in cui le persone nella tesi spiegano i concetti.”

Alle giovani donne che vogliono intraprendere la carriera scientifica, Marie Villaris consiglia di armarsi di perseveranza e resilienza: “Ci sono molte ragioni per arrendersi lungo la strada. Più vai in alto, meno donne ci sono. Ma ne vale la pena, ogni giorno scopri qualcosa che nessun altro sa.”

Sabrina Barkan: “Non c’era nulla che mi preparasse per l’energia nucleare”.

A Nîmes, nel 2019, Sabrina Berkan si è classificata seconda al concorso FEM'Energia, che mette in evidenza Le donne nei settori energetici. Lei però confida “Non c'era nulla che mi definisse in anticipo per l'energia nucleare. Ho fatto BTS nelle negoziazioni e nelle relazioni con i clienti. Sono entrato nell'industria nucleare incontrando persone che lavoravano nel campo. Mi ha lasciato a bocca aperta.”

Sabrina Barkan.

Sabrina Barkan.
medico.

La giovane compila i certificati necessari e sale le scale. È diventata il capo del processo di smantellamento. Supervisiona le squadre di pulizia dei siti nucleari: “Mi assicuro che le procedure operative siano seguite correttamente, che non ci siano rischi, che le regole siano rispettate e che tutto ciò avvenga in tempo.”

“Le donne hanno precisione e un buon senso della comunicazione. Oggi sono sempre di più quelle che lavorano in questo settore.” spiega il trentenne convertitosi all'Islam 10 anni fa. Anche se solo il 22,4% dei lavoratori dell'energia nucleare sono donne, Sabrina Barkan conferma che lo sono anche loro. “Perfettamente posizionato”.

Manon Kirat: “Sono stata influenzata dai miei mentori”

“Lavoro sugli effetti dei farmaci sulla salute umana. Si tratta di epidemiologia dei farmaci.”. Il 30enne di Perpignan si interessa agli effetti collaterali di alcune molecole, ispirato quindici anni fa da uno scandalo clamoroso: Piccone.

Leggi anche:
Capisce tutto. L'originale, l'accusa, l'appello… Vi spieghiamo lo scandalo del mediatore in 10 punti

Quando nel 2009, la pneumologa Irene Frachon lanciò l'allarme su un farmaco che aveva causato da 1.000 a 2.000 morti, Manon Cairat scoprì la sua passione per la farmacovigilanza: “Può essere difficile esporsi in queste professioni, poiché non abbiamo necessariamente dei modelli da seguire.” Inizierà i suoi studi a Montpellier, prima di recarsi a Parigi, poi a Lione.

Manon Kirat.

Manon Kirat.
Clemens Losfeld

“Ho avuto come mentore una donna con cui amo lavorare. È importante circondarsi delle persone giuste.”suggerire , “Sarei interessato ad andare negli istituti scolastici per incoraggiare le carriere”.. Nel 2023 è la vincitrice del premio “Giovani talenti” Dalla Fondazione L'Oréal. “Possiamo farcela. Dobbiamo iniziare. Le donne possono avere la tendenza ad autocensurarsi, ed è importante dire a noi stessi che la scienza è anche per noi.”

Laura Boyer: “Come donne, siamo meno audaci”

Nel 2022, Laura Poillet ha ricevuto il Premio Olga Sain/Comi prima di iniziare a lavorare all'Inserm di Tolosa. La condizione fondamentale per ottenere il premio: presentare un lavoro promettente per la cura dei pazienti.

Laura Boylett.

Laura Boylett.
Jean-Charles Caselot – Jean-Charles Caselot

La sua area di ricerca, il cancro, si concentra sulla resistenza terapeutica nel cancro Leucemia acuta. “È un cancro del sangue e del midollo osseo. Ci sono molte ricadute e stiamo cercando di capire perché e come trattarlo.” Ce lo spiega la ricercatrice che ci spiega di essersi rivolta a questo campo “Mi sento utile.”

Ha 34 anni e lavora al Centro di ricerca sul cancro di Tolosa, lavoro secondario “La vita di mia madre”. “Spesso avevo l'impressione che mi chiedessero di più. Dovevo lavorare molto e molto a casa e dovevo padroneggiare quella gamma. “ricorda la giovane.

“Ho l’impressione che come donne osiamo meno”.Il ricercatore denuncia. Tuttavia, sembra che funzioni. Si ricorda di una delle sue modelle, Laura Bouillet, direttrice di laboratorio “Che riusciva in tutto, era un'autorità nel suo campo e aveva anche una vita familiare. Non aveva paura di nulla, provava di tutto”..

READ  Il Quebec adotterà una legislazione sulla sicurezza e la salute culturale degli indigeni