Maggio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gestione del cibo invenduto: obblighi, incentivi e regolamenti, a seconda che tu riceva …

Gestione del cibo invenduto: obblighi, incentivi e regolamenti, a seconda che tu riceva …

I negozi in franchising non sono soggetti alla politica del marchio del Dipartimento per il controllo dei rifiuti. Pertanto, non sono obbligati a continuare o continuare a raccogliere donazioni che esistevano quando sono stati “fusi”. Se lo fanno, è da soli, osserva Natalie Rosen, portavoce di Colruyt: “ILIntervalli traI franchisor imprenditoriali contattano le associazioni locali e organizzano con loro i richiami dei prodotti. “

Come in Delhaize, ci dice il suo portavoce Karim Gouzy:A livello dei nostri affiliati, dipende da chi ha contattato un’associazione. Ridistribuiscono giornalmente o più volte alla settimana. Questa è una raccomandazione, non vi è alcun quadro o obbligo in tal senso. Alcuni lo fanno anche spontaneamente. “

sono loro? Non reale.

Oltre al fatto che non sono obbligati a nulla, i franchisor hanno anche una visione più economica e meno strategica della propria attività e quindi della donazione. Quindi il loro primo e principale obiettivo sarà la volontà di liquidare le loro azioni, come questo ha chiarito Philippe de Backe, direttore del centro diurno Îlot e responsabile della raccolta alimentare: “Ogni affiliato gestirà i propri flussi in modo più rigoroso. Stanno attenti che non ci siano perdite in modo che ci siano meno oggetti invenduti possibili“.

Adrien Arnal fa un esempio di “adesivi”, questi adesivi “- 50%” o “- 30%” attaccati su prodotti la cui data di scadenza si avvicina: “Un’azienda integrata deciderà di “incollare” alcuni prodotti il ​​giorno prima della data di scadenza, mentre un franchisor può farlo tre giorni prima della data di scadenza del prodotto per assicurarsi che il suo scaffale si svuoti.

READ  Il petrolio sale dopo l'interruzione dei colossi petroliferi del Golfo, il che non giova alla Russia

Così i negozi in franchising renderanno meno dei negozi integrati. Ecco cosa ha detto la portavoce di Colruyt Natalie Roisin, senza ottenere numeri ufficiali:Quando vediamo i volumi coinvolti nella sola Colruyt, il fatto che questa politica sia centralizzata e il numero di negozi coinvolti, è facile immaginare che la quota di donazioni dai negozi integrati sia chiaramente la maggioranza in termini di formati di negozio all’interno del gruppo Colruyt. “

Sulla Terra, anche le associazioni fanno la stessa osservazione. Per quanto riguarda Delhi, ad esempio, Adrien Arnal ha stimato che “L’80-90% delle forniture invendute proviene dalla rete integrata. Ci sono alcuni franchisee che donano, ma chiaramente non sono la maggioranza.“al principale interessato”,Non abbiamo una visione dei volumi dati dagli affiliati, sappiamo che alcuni sì, e sempre di piùportavoce di Delhaize.

Tuttavia, le banche alimentari ricevono meno donazioni dagli affiliati rispetto alle banche integrate. E lavoreranno con loro di meno.Poiché vogliono vendere fino all’ultimo minuto e quindi vogliono fare un’offerta la sera, hanno fretta di voler fare un’offerta lo stesso giorno. Di conseguenza, è più complicato per noi raccogliere e ridistribuireRimpianti per Philippe de Bac de Lolot. La loro associazione senza scopo di lucro, in collaborazione con i negozi Colruyt “one-stop”, si reca lì tutti i giorni dalle 8:00 alle 9:00, per raccogliere prodotti, quattro giorni prima della data di consumo finale.