Maggio 19, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Georges Lemaitre, lo scienziato belga che ha conquistato il mondo superando critiche e derisioni.

Georges Lemaitre, lo scienziato belga che ha conquistato il mondo superando critiche e derisioni.

Georges Lemaître mi ha sempre affascinato.

Fin da piccola il mio sogno è stato quello di esplorare e comprendere meglio il nostro mondo interiore, i nostri pensieri, percezioni, emozioni, cioè la nostra coscienza o quella che alcuni chiamano la nostra anima. Questo, credo, è il motivo per cui sono sempre stato affascinato da Georges Lemaître, lo scienziato belga, padre della teoria del Big Bang: si stava dirigendo non tanto verso il nostro universo interiore quanto verso il nostro universo esterno; Cosa può dire di noi e delle nostre origini”.

Direttore della ricerca FNRS, neurologo e docente belga nato nel 1968 a Lovanio, noto in tutto il mondo per il suo lavoro sullo studio clinico della coscienza, Premio Francqui 2017 (come lo fu Georges Lemaitre nel 1934), Stephen Loris non ha esitato a mettere un fisico belga al timone National Science Pantheon. “È un uomo con un’intuizione straordinaria: che l’espansione dell’universo visibile è iniziata con l’esplosione di una singola particella in un preciso momento nel tempo. Nonostante le critiche, il ridicolo e gli ostacoli che ha dovuto affrontare perché quell’intuizione era così innovativa, ha seguito per tutta la vita, attraversando il mondo, incontrando i più grandi e combattendo per farla rispettare.” lui stesso come un piccolo belga, per dimostrare e far rispettare finalmente la sua teoria del Big Bang la cui accuratezza è ancora accettata fino ad oggi, molto impressionante.

Genio matematico

Nato nel 1894 a Charleroi e morto nel 1966 a Lovanio, questo sacerdote e scienziato belga all’età di 33 anni avanzò l’ipotesi che l’universo si stesse espandendo e che, in tal caso, fosse originariamente condensato in un universo. un punto. All’epoca, questa intuizione fu rivoluzionaria. I più grandi – come Einstein – assumono ancora la stabilità dell’universo. Il mondo accademico ignora, poi critica e deride il giovane belga che avrebbe finalmente dimostrato il suo lavoro nel 1965 e poi nel 1998.

READ  I quattro benefici dell'ottimismo sulla tua salute!

“Fu quasi sul letto di morte che Georges Lemaître apprese che due astronomi americani, che installarono grandi antenne nel 1964 a Crawford Hill negli Stati Uniti, notarono un rumore sorprendente e duraturo. Questi due ricercatori (Arnaud Penzias e Robert Wilson che lavorano ai Bell Laboratories ) non capiscono cosa sia, prima di scoprire quello che chiamano il fondo cosmico a microonde, la radiazione cosmica del Big Bang, scoperta che gli farà guadagnare il premio Nobel per la fisica, ma soprattutto confermerà le ipotesi di Georges Lemaître, e finiscono per legittimarlo agli occhi di tutti.

Possiamo quindi considerare Georges Lemaitre “dell’ordine di Darwin o Galileo”, ha riassunto il fisico Jean Gouverts nell’ottobre 2016 su La Libre. È uno degli scienziati la cui visione del mondo ha cambiato la nostra visione del mondo, quella della gente comune. una storia alla vita, Georges Lemaitre ha dato una storia all’universo. È il primo ad aver osato farlo!”

“Oltre al suo lavoro sul Big Bang”, continua Stephen Loris, “recentemente mi sono anche reso conto che Georges Lemaître ha scoperto in modo indipendente l’algoritmo ‘Fast Fourier’ che usiamo ogni giorno con il team e che viene utilizzato nell’elaborazione del segnale digitale , principalmente nel neuroimaging ma anche nel suono. Ciò dimostra che il suo genio in matematica è così.”

lezioni magistrali

Georges Lemaitre rimane un esempio di buon livello scientifico belga, per il quale il premio Nobel per la fisica 2013 è stato assegnato a François Englert, o il privilegio della ricerca di Liegi con Michael Gillon sugli esopianeti. Possiamo essere orgogliosi del nostro Paese e, allo stesso tempo, dobbiamo avere più ambizioni, seguendo l’esempio e il merito degli anglosassoni. Questa è l’ambizione che Georges Lemaitre ha saputo mostrare. Non ha mai esitato a pensare fuori dagli schemi. Come lui, i grandi scienziati sono sempre creativi, curiosi, coraggiosi, ribelli e aperti. E in questo, una macchina o un’intelligenza artificiale non potranno mai superare un essere umano. Georges Lemaître credeva nel potere dei computer – fu il primo a procurarsene uno per il Belgio all’Università di Lovanio – ma se queste macchine fossero capaci di computare con una potenza straordinaria, non potrebbero mostrare intuizione, nessuna emozione, nessuna nuova idea. Tutto ciò che dimorava in Georges Lemaitre.”

READ  Perpignan - Settimane della salute mentale: "Le persone con disturbi mentali guardano anche allo sguardo della società"

Pensare decentemente e scavare senza sapere sempre dove si va, insiste Stephen Loris, è una delle lezioni che il fisico belga ha lasciato in eredità. “Soprattutto in questo momento in cui è meglio ottenere finanziamenti scientifici, annunciare cosa faremo e la possibile utilità delle conclusioni”.

Se il canone ha avuto un’ultima lezione, afferma il neurologo, «è l’articolazione – non la confusione – che lo ha sempre interessato tra esperienza soggettiva e conoscenza oggettiva. Fede e ragione erano per lui due vie complementari per illuminare la verità, ma soprattutto tutto era importante per non confondere “Rispetto troppo Dio per farne un’ipotesi scientifica”, ha detto Georges Lemaitre, che ha personalmente messo in guardia Papa Pio XII dal considerare la teoria del Big Bang come una prova della creazione divina del pianeta.

Per te chi sono i grandi belgi?

Per tutta l’estate La Libre sta lanciando un grande sondaggio: quale belga o belga metteresti in cima al podio? Chi sono coloro che, con il loro talento, l’audacia, il lavoro e la dedizione, hanno segnato la storia del Paese e l’hanno fatto risplendere a livello internazionale?

LaLibre.be Ti presenta un elenco autodefinito di venti nomi. Di seguito, sei invitato a selezionare fino a tre nomi che vorresti vedere in cima alla lista, e ad annotare in poche righe il motivo della tua scelta. I risultati del sondaggio saranno pubblicati su La Libre alla fine dell’estate.