Febbraio 2, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I medici offrono un trattamento rivoluzionario per una forma aggressiva di leucemia

A 28 giorni era in remissione, hanno spiegato i ricercatori, durante la riunione annuale dell’American Society of Hematology. Sei mesi dopo, “sta bene” ed è tornata a casa.

sullo stesso argomento



AIDS: quando è il trattamento?

Certo, nessun trattamento attualmente rende possibile curare l’HIV, ma ci sono poche persone rare – circa 1 su 200 – che convivono con l’HIV senza riprodurlo. È chiaro che l’HIV è nei loro corpi, ma non possono attaccarli. Quindi rimangono in salute. Naturalmente, il sistema immunitario di questo “controllore d’élite” dovrebbe essere studiato molto nella speranza di imitarne l’azione.

“Senza questo trattamento sperimentale, sarebbe stata una cura palliativa”.

“Senza questo trattamento sperimentale, l’unica opzione di Alyssa era la cura palliativa”, ha detto l’ospedale. La leucemia linfoblastica acuta colpisce le cellule del sistema immunitario, i linfociti B e T che combattono e proteggono dai virus.

Alyssa è la prima paziente conosciuta a ricevere le cellule T modificate. Ma queste stesse cellule progettate per attaccare le cellule tumorali hanno finito per uccidersi a vicenda durante il processo di produzione, portando gli scienziati a prendere in considerazione altre soluzioni. Wasim Qasim, immunologo e professore al Great Ormond Street Hospital, ha dichiarato: “Questa è una fantastica dimostrazione di come possiamo combinare tecnologie all’avanguardia in laboratorio con risultati reali per i pazienti in ospedale”. Questo “apre la strada ad altre nuove cure e un futuro migliore per i bambini malati”, ha aggiunto.

READ  Covid-19 in Bretagna: in aumento il numero dei ricoveri - Bretagna