Novembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

George Louis Bochese sulla crisi energetica: ‘L’anello debole è il governo’

Al microfono di Martin Buxan, il presidente di MR, Georges-Louis Bochese, ha parlato per la prima volta dello sciopero che da lunedì ha colpito l’aeroporto di Charleroi. Il liberale chiedeva una “quantità minima di servizio” nel settore dell’aviazione, ma anche in tutti i servizi forniti alla popolazione, per evitare di punire così tanto il cittadino. Sentiva anche che la Vallonia aveva un “problema mentale” per quanto riguarda il lavoro.

Il capo del movimento di riforma ha anche affrontato la questione del Riforma fiscale, guidata dal ministro delle finanze Vincent van Bettieghem (CD&V), presentata martedì sera da LN24.. “E ancora, sono le persone che lavorano, rischiano e corrono rischi, che saranno punite, come sempre accade in questo Paese.si è lamentato George Louis Bochese, che ancora una volta ha chiesto una riduzione delle tasse.Con abbastanza tasse, siamo stanchi di punire sistematicamente la classe media ei lavoratori.

“Il ministro dell’Energia è diventato un problema”

Montois è infine tornato sulla crisi energetica e sulla spinosa questione dei negoziati del governo belga con Engy. Per il presidente del PS Paul Magnette, le discussioni con Engie devono semplicemente interrompersi. Un’opinione non condivisa da Georges Louis Bochese. “Le trattative devono già iniziare.“, battiti.”Oggi ci sono state discussioni di ogni tipo ma nessuna vera trattativa. Il ministro dell’Energia (Tinne Van der Straeten, ndr) è diventato un problema, si vede.

Mi rendo conto di come il governo oggi non sia all’altezza della sfida‘, ancora una volta ha criticato il liberale, prima di ammonire:Se non ci sarà una svolta decisiva entro la fine di ottobre, metteremo il Paese in gravi difficoltà energetiche.“George-Louis Boches vuole fare più progressi possibili su alcune questioni nei prossimi giorni, in modo da poter concludere l’accordo di fine 22, che è la vera scadenza. E per concludere:”Oggi l’anello debole è il governo, che non ha mai saputo proporre una posizione unitaria su questo tema.

READ  "Era un esempio per molti", conferma la testa del suo corpo