Aprile 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Geoingegneria solare, questa è una pessima idea per salvare il pianeta

Geoingegneria solare, questa è una pessima idea per salvare il pianeta

Ambiente – Creando una finta eruzione vulcanica o cambiando il colore delle nuvole, ecco alcune proposte ribelli, ma non inverosimili, per limitare il riscaldamento globale. Queste diverse tecnologie sono incentrate sullo stesso principio: la geoingegneria solare.

Alcuni di essi sono stati studiati seriamente e mirano tutti a riflettere i raggi del sole per raffreddare la Terra e rallentare così il cambiamento climatico. Ma come potete vedere nel video in cima all'articoloQuesto processo sarebbe molto pericoloso e non sarebbe accettato all’unanimità dalla comunità scientifica, che teme che gli esseri umani stiano facendo magie nell’affrontare il clima.

Ricrea un'eruzione vulcanica

Attualmente esistono tre metodi per riflettere la radiazione solare. Il primo, che sembra anche il meno probabile, consiste nell'inviare nello spazio un gigantesco scudo per bloccare parzialmente i raggi solari verso la Terra.

Ma c’è un problema, ed è importante: perché questo scudo sia almeno efficace, deve essere grande almeno quanto l’Argentina, come mostrato in figura. Il New York TimesYoram Rosen, professore di fisica e direttore dell'Asher Institute for Space Research presso il Technion-Israel Institute of Technology. Oltre alle sue enormi dimensioni, questo scudo peserà 2,5 milioni di tonnellate, il che rende estremamente impraticabile mandarlo nello spazio.

READ  Ambizioso progetto della NASA: "Con questa tecnologia, possiamo viaggiare da e verso lo spazio profondo più velocemente che mai"

La seconda opzione è giocare sul cloud. La prima possibilità è mandare lì dei cristalli di sale marino per alleggerirlo. Più le nuvole sono bianche, più sono in grado di riflettere la luce solare nello spazio. La seconda possibilità è iniettare particelle in nuvole sottili. Queste scie nuvolose in aumento aumentano il riscaldamento globale restituendo alla Terra il calore che altrimenti sfuggirebbe nell’atmosfera. Queste iniezioni lo ammorbidirebbero, permettendo al calore della Terra di fuoriuscire meglio.

L’ultima tecnica, e anche la più avanzata, consiste nell’invio di aerosol nella stratosfera. L'obiettivo è riprodurre gli effetti di un'eruzione vulcanica inviandovi particelle di zolfo. Questo fenomeno in realtà si è verificato naturalmente durante l’eruzione del vulcano Pinatubo nelle Filippine nel 1991. Ha raffreddato la Terra di 0,5 gradi Celsius nei successivi 15 mesi. Questo rapporto proviene dall’Unione Europea.

Effetti collaterali non confermati

A prima vista, l’uso della geoingegneria solare, soprattutto riproducendo un fenomeno naturale come un’eruzione vulcanica, potrebbe non sembrare una follia. Soprattutto perché il limite del riscaldamento globale di +1,5°C negoziato nell’accordo di Parigi potrebbe essere raggiunto già nel 2030. Ma queste tecnologie potrebbero avere effetti collaterali molto incerti.

“Il sistema terrestre è molto complesso e tutto è interconnesso. In realtà non abbiamo così tanto controllo su di esso attraverso la geoingegneria solare come pensiamo di averlo.”“, spiega Susanne Burr, dottoranda presso l’Unità di ricerca Clima, Ambiente, Connettività e Incertezza (CECI).

Anche se ne conoscessimo gli effetti e fossimo in grado di controllarli, se improvvisamente decidessimo di smettere di utilizzare una di queste soluzioni, ad esempio in caso di controversia, guerra o disastro naturale, le conseguenze per l’umanità sarebbero catastrofiche. “La Terra si riscalderà molto rapidamente, raggiungendo alla fine il livello che sarebbe stato senza la geoingegneria. La velocità di questo riscaldamento potrebbe portare al collasso di molti ecosistemi.Il dottorando è specializzato nella modellazione della geoingegneria solare.

READ  Meteo per giovedì 1 settembre: caldo estivo e qualche temporale

Inoltre, non risolverà la vera causa del cambiamento climatico: i gas serra. “Se utilizziamo queste tecnologie per raffreddare il clima per diversi decenni, ma continuiamo a emettere molti gas serra, saremo solo in grado di mascherare questo riscaldamento”.insiste Olivier Boucher, scienziato del clima presso l’Istituto Pierre-Simon Laplace. Pertanto, esiste un solo modo per limitare il cambiamento climatico: ridurre significativamente le emissioni di gas serra.

Vedi anche su L'Huff Post :