Aprile 1, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Genocidio ruandese, diritti umani e clima: Gianni Infantino fa ancora una volta un mondo a parte durante il suo discorso di rielezione

L’ex avvocato ha anche parlato del ruolo della FIFA nel mondo: “Siamo un’organizzazione calcistica. Non siamo la Croce Rossa o Greenpeace o qualsiasi altra organizzazione che fa un ottimo lavoro. Ma abbiamo anche una responsabilità. Abbiamo la responsabilità di aiutare ad affrontare le sfide globali”., È spiegare. Poi fu martirizzato “Clima, Diritti Umani, Malattie, Disabilità” come parte di queste sfide.

Se la frase sulla carta fa ben sperare, sembra comunque in totale contrasto con la realtà delle azioni della FIFA. L’ultima Coppa del Mondo è stata un vero disastro climatico con il torneo che si è svolto in inverno. È stato anche un disastro per i diritti umani con polemiche durante la competizione sulle condizioni di lavoro dei lavoratori e degli immigrati nei cantieri, diverse migliaia dei quali avrebbero perso la vita e un rispetto limitato per gli omosessuali mentre il badge “One Love” è stato bandito.

Ovviamente, sarebbe un errore pensare che si fermerebbe qui. Con sedici paesi in più alla prossima Coppa del Mondo, l’impatto ambientale potrebbe essere ancora peggiore con gli aerei come principale colpevole. La distanza tra diverse città ospitanti può talvolta superare i 4000 km mentre in Qatar non supera i 50 km. Lo scorso dicembre, Infantino ha sollevato questo problema. “In una grande regione come il Nord America, dobbiamo tenerlo a mente, per garantire che le squadre giochino in ‘piscine’, dove i tifosi non devono percorrere distanze folli, proprio come fanno le squadre”.progresso.

Con questo in mente, si può immaginare di vedere i gruppi divisi in aree più piccole come è stato fatto durante gli ultimi Europei in cui le riunioni dello stesso gruppo sono state disputate nelle città vicine. Tuttavia, un’idea del genere non risolverebbe tutti i problemi con delegazioni enormi, decine di migliaia di tifosi in un intero continente, quasi il doppio delle partite e la fase finale non potrebbe beneficiare di tanta flessibilità in termini di spostamento. . Il problema si ripeterà instancabilmente nelle edizioni future.

READ  Van Aert irritato da diversi fan che bussano alla sua porta: "Preferirei essere lasciato a casa da solo"

Come sempre, Gianni Infantino ha ancora una volta gettato un sasso nell’orto di chi critica tutte le sue dichiarazioni fuori terra. Il suo desiderio di globalizzare il calcio è encomiabile anche se motivato da motivi elettorali, ma le sue continue dichiarazioni per trasmettere bellissimi messaggi di uguaglianza e rispetto per le sfide del mondo quando sono in completo contrasto con la realtà sul campo, tutto ciò che dice è impercettibile. troppo. E pensare che non sta per cedere il passo all’altro.