Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Francine scopre con stupore di essere stata pagata 30 euro al mese per 20 anni… per niente: “È un vero peccato!”

Francine Gilbert ha recentemente avuto due ictus consecutivi. L’ex addetta al servizio del municipio di Wattignies, ottuagenaria, ha contribuito con l’assicurazione funebre per quasi 20 anni con MBTP, una joint venture, al fine di garantire finanziariamente il suo funerale. Ad oggi, in caso di morte, l’importo della garanzia per le sue spese funerarie è di poco inferiore ai 6.000 euro. L’impresa di pompe funebri o il beneficiario possono addebitare 6.000 € per coprire i costi.

Vent’anni di quote per niente

Ma dal 1 gennaio, come mostrato Voce del NordMBTP ha deciso di rescindere tutti i contratti di garanzia delle spese funebri, compresi quelli di Francine Gilbert, che sono “estremamente in perdita”, secondo l’abbonato. Questi 6.000 euro, che il pensionato ha contribuito dal 2002 (30 euro al mese), non saranno percepiti dalle pompe funebri o dai beneficiari in caso di decesso. “Dovresti sapere che la garanzia per le spese funebri è un’assicurazione, non una rendita”, avverte il servizio clienti MBTP. Per riassumere in modo frivolo, Francine Gilbert ha pagato 30 euro al mese per 20 anni per MBTP, per niente. Svaporano i 6.000 euro che avrebbero dovuto essere pagati in caso di morte contestualmente al suo contratto. Ma la storia non finisce qui.

“Dopo molti scambi, Apicil, la società madre di MBTP, che fornisce garanzie per le spese funerarie, è tornata da me e mia madre, gli hanno offerto un nuovo contratto, ma con contributi di 111 euro al mese, con una garanzia di 4.000 euro. Miriam Gilbert.

Per i 60 milioni di consumatori della rivista, si consiglia di evitare qualsiasi tipo di contratto funebre con assicurazione, che sono “investimenti distruttivi” (nel 2019).

READ  Quale paese europeo vuole inviare munizioni a grappolo in Ucraina?