Dicembre 1, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Formula 1 | Mazepin spiega il motivo del pianto dopo le qualifiche

Nikita Mazepin ha rovinato il suo ultimo giro di qualifica all’ultima curva venerdì dopo aver accelerato forte sul marciapiede appena sotto la salita ai box.

In un’intervista pochi minuti dopo, il pilota della Haas F1 era sull’orlo delle lacrime ed è tornato a questo momento difficile. Il russo ha ammesso di aver avuto una stagione difficile, e ha avuto difficoltà a contenere le sue emozioni.

“Ho avuto un periodo molto difficile nelle ultime gare, non solo per il bilanciamento della macchina ma anche per alcuni problemi interni alla squadra”. ha detto Mazbin.

“Questo rende i punteggi ancora più importanti. E quando sei così vicino a completare quello che pensavo fosse un ottimo giro, guardando la macchina che abbiamo ora, e nel tuo errore stai spingendo così tanto e perdendo quel giro, è fa male.”

Mazepin spiega perché venerdì è stato sopraffatto dall’emozione: “Lavoro duramente con diversi specialisti per assicurarmi che le mie emozioni siano gestite correttamente in macchina”.

“Ma quando hai solo circa quattro minuti dopo essere uscito dall’auto per parlare con i giornalisti che ti fanno domande che ti riportano quei ricordi e cosa avresti potuto fare meglio, è triste”.

“Non c’è molto altro che correre nella mia vita. In effetti, non ce n’è. Quindi mi sono messo a rischio e sono arrabbiato, il che è normale quando le cose non vanno bene”.

Cambiamenti destabilizzanti in Haas F1

Mazepin ha lottato per adattarsi ai cambiamenti avvenuti internamente quando il suo architetto ha preso il congedo di paternità. Capisce che alcuni membri della sua squadra preferiscono l’aspetto esteriore della F1.

“Sai, la squadra si sta ristrutturando, la gente va e viene per alcune gare e so che tutti quelli intorno a me quest’anno non hanno intenzione di rimanere l’anno prossimo”.

READ  Union Saint-Gilloise ha vinto La Gantoise e ha ripreso il controllo del torneo

“Apprezzo l’ambiente in cui vivo, sono stato circondato da persone molto oneste, i miei ingegneri sono partiti la scorsa settimana in un’altra squadra e purtroppo non è l’unico. È una sfida”.

“Vuoi mantenere le persone giuste in qualsiasi settore. Sfortunatamente, le relazioni personali non sono qualcosa che in questo sport può far andare avanti le persone. Sono ragioni finanziarie per la maggior parte del tempo.

“Sai, la vita va avanti, le persone hanno famiglie e il programma continua. Le famiglie devono venire prima di tutto. Lo sport è tutto ciò che faccio nella mia vita, ma ho solo 22 anni e penso che se avessi 10 anni più del ragazzi, prenderei le stesse decisioni che hanno preso loro”.