Giugno 19, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

foraggio. Cos’è il reflusso gastroesofageo?

foraggio.  Cos’è il reflusso gastroesofageo?

Ci sono molti preconcetti sulla dieta nella malattia da reflusso gastroesofageo (GERD). Per comprenderne meglio gli effetti, ecco alcuni concetti.

Reflusso esofageo, che cos'è?

La malattia da reflusso gastroesofageo si verifica quando il contenuto acido dello stomaco fluisce nell'esofago, causando sintomi e danni al rivestimento.

L'area anatomica in cui l'esofago si collega allo stomaco è chiamata giunzione esofagogastrica. Questo è il posto “sfintere esofageo inferiore” (LES), muscolo circolare che regola il passaggio del contenuto dall'esofago allo stomaco. Questa “valvola” impedisce il movimento del cibo dallo stomaco all'esofago. Quando questo sfintere non funziona correttamente (ad esempio, una voce bassa), può portare a problemi come la malattia da reflusso gastroesofageo.

Oltre ai farmaci, sono importanti alcune regole igieniche e dietetiche per la gestione della MRGE, come attendere 2 o 3 ore dopo un pasto prima di andare a letto.

La dieta e il peso svolgono un ruolo nei sintomi della GERD. La perdita di peso è efficace nel ridurre i sintomi del reflusso.

L’obesità, infatti, contribuisce al reflusso gastroesofageo a causa dell’aumento della pressione nell’addome e della pressione sulla giunzione esofagogastrica, che è il confine tra l’esofago e lo stomaco.

Che ne dici di un pasto ipercalorico?

La quantità di calorie in un pasto (apporto calorico) e il contenuto di grassi influenzano il reflusso esofageo. Infatti, mangiare un pasto riduce la forza dello sfintere esofageo inferiore (LES) e lo induce a rilassarsi più spesso e più a lungo (“rilassamenti transitori del LES”), consentendo al contenuto esofageo di refluire nello stomaco. esofago.

Questi stati transitori di rilassamento sono normali, ma possono essere più frequenti e più lunghi nelle persone con reflusso esofageo.

READ  8 benefici per la salute inaspettati

Tuttavia, è stato dimostrato che in presenza di grassi forniti dal pasto, nel duodeno viene rilasciato un neuropeptide (colecistochinina) che contribuisce a diminuire la forza delle valvole esofagee e gastriche e ad aumentare la frequenza di questi rilassamenti transitori.

Tutto ciò contribuisce ad aumentare il reflusso acido. Infine, il grasso aumenta la percezione del reflusso (si parla di “ipersensibilità al reflusso” indotta dai grassi).

Per questo motivo è importante tenere conto del valore calorico e della quantità di grassi nella dieta, che spesso sono correlati.

Inoltre, un pasto ipercalorico rallenta lo svuotamento gastrico (il processo attraverso il quale un pasto si sposta dallo stomaco all'intestino tenue), prolungando la distensione dello stomaco, riducendo la forza delle valvole esofagee e gastriche e favorendo una maggiore incidenza di crampi. Rilasci transitori della valvola.

I carboidrati favoriscono il reflusso

Se la componente proteica del pasto ha scarsi effetti sulla fisiologia esofagea, i carboidrati, attraverso i loro prodotti di fermentazione (acidi grassi a catena corta), producono effetti sulla motilità esofagea/stomaco.

Il risultato: un lembo con un tono più basso, che si rilassa più spesso e per un periodo più lungo. Gli studi sulle diete a basso contenuto di zuccheri/carboidrati hanno dimostrato un effetto benefico sui sintomi del reflusso.

Pertanto, tenendo conto di queste informazioni, è ormai certo che i pasti ricchi di calorie, grassi e/o carboidrati favoriscono l'insorgenza degli attacchi di reflusso e le loro sensazioni.

Pertanto, gli esperti consigliano di seguire una dieta povera di grassi e carboidrati in caso di reflusso esofageo.

Fonti: Giornate francofone di epatologia, gastroenterologia e oncologia gastrointestinale (JFHOD; 14-17 marzo 2024, Parigi); Linee guida cliniche ACG per la diagnosi e la gestione della malattia da reflusso gastroesofageo.

READ  Il peso sorprendente di un brachiosauro: una scoperta gigantesca