Ambiente Attualità EVIDENZA

Fermo del termovalorizzatore di Acerra, presentato il piano alla regione. La reazione di Legambiente.

chiuso per manutenzione

Si è svolta oggi a palazzo Santa Lucia, alla presenza del Vice Presidente Fulvio Bonavitacola, la conferenza di servizi alla quale hanno partecipato i rappresentanti degli Enti d’Ambito degli ATO Rifiuti, delle Province, della Città metropolitana di Napoli e delle Società provinciali di gestione dei rifiuti, nel corso della quale è stato presentato alla Regione il programma relativo al deposito temporaneo di rifiuti nel periodo di fermo del termovalorizzatore di Acerra per manutenzione straordinaria.

Dalla Regione fanno sapere che si è preso atto nel quadro delle distinte competenze e responsabilità, del piano condiviso e sottoscritto da tutti i partecipanti, che ha l’obiettivo di coprire tutte le esigenze relative alla gestione dei rifiuti nel periodo in questione.

Legambiente: “La tragicommedia dei rifiuti in Campania continua ad essere trattata con il metodo dell’emergenza e non della pianificazione e della gestione”

“A pochi giorni dallo stop dell’inceneritore di Acerra – scrive una nota Mariateresa Imparato, presidente Legambiente Campania – su piano regione Campania in vista chiusura impianto di Acerra si trova un accordo sui siti di stoccaggio provvisorio”.

“Quattro giorni prima per far fronte ad una situazione di cui si ha notizia da più di un anno. – sottolinea la Imparato – La tragicommedia dei rifiuti in Campania continua ad essere trattata con il metodo dell’emergenza e non della pianificazione e della gestione. Ci auguriamo che il piano presentato non solo sia nel complesso capace di evitare scene già viste di rifiuti per strada, ma soprattutto rispetti i tempi previsti in 90 giorni per i siti di stoccaggio temporaneo. Le comunità sono stanche e sfiduciate e rispettare i tempi è fondamentale e necessario.  Montagne di ecoballe ancora presenti sul territorio non fanno ben sperare per il futuro. Tutto questo in una Regione il cui sistema di gestione dei rifiuti urbani continua ad essere un labirinto che utilizza ancora lo strumento dello smaltimento fuori dalla Campania di gran parte dei rifiuti, 800 mila tonnellate all’anno oltre il 30% del totale e la quasi totalità della frazione organica.  L’unica via d’uscita possibile dal labirinto dell’emergenza è chiudere il cerchio con gli impianti di compostaggio, mettere in campo un’azione importante di prevenzione della produzione dei rifiuti e di sensibilizzazione per rilanciare la raccolta differenziata”.

Tags

laRed TV





Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi