Marzo 2, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Elezioni nei Paesi Bassi: Frans Timmermans vuole difendere la democrazia e rifiuta l’alleanza con Geert Wilders

Elezioni nei Paesi Bassi: Frans Timmermans vuole difendere la democrazia e rifiuta l’alleanza con Geert Wilders

L’olandese Frans Timmermans, capo della lista di sinistra dell’Alleanza degli scienziati ambientali ed ex commissario europeo, ha confermato che continuerà a difendere la democrazia e lo stato di diritto nei Paesi Bassi, dopo la vittoria elettorale ottenuta dal partito mercoledì. (Partito della Libertà). Egli respinge l’idea che la sua alleanza GroenLinks-PvdA, che secondo i risultati preliminari è al secondo posto, possa formare una coalizione con il partito di Geert Wilders.

La democrazia ha parlato. È tempo di difendere la democrazia“, ha commentato la sera del giorno delle elezioni colui che fino a poco tempo fa era vicepresidente della Commissione europea.

Secondo lo spoglio parziale dei voti, la coalizione ambientalista di sinistra può contare su 25 seggi su 150 nella camera bassa del parlamento olandese, che è la seconda formazione del Paese dopo il Partito per la Libertà, che ne conta 37. posti a sedere.

Tuttavia, per Frans Timmermans arrivare al potere con Geert Wilders non è un’opzione. Sottolinea che il suo partito non parteciperà mai ad una coalizione con “Un partito che rifiuta gli olandesi“.

Timmermans non ha nascosto il suo disappunto per il risultato elettorale nei Paesi Bassi, anche se si aspettava molto di più dalla sua alleanza. Mercoledì sera, nel suo discorso agli attivisti, si è rivolto anche a persone che potrebbero non sentirsi più le benvenute nei Paesi Bassi. “Non deludiamo nessuno nei Paesi Bassi, Egli ha detto. Se nei prossimi giorni incontri persone nel tuo quartiere, a scuola o al lavoro che si chiedono se hanno ancora un posto qui, digli chiaramente: Sì! Nei Paesi Bassi tutti sono uguali. Non importa dove sei cresciuto, dove sono cresciuti i tuoi genitori, dove sono cresciuti i tuoi nonni: tu appartieni“, ha insistito il politico.

READ  Rispondi in russo: Io sono la tua morte: il britannico, catturato e torturato in Ucraina, racconta il suo calvario