Maggio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

E se le banche private non potessero più creare denaro?

E se le banche private non potessero più creare denaro?

Nell’ultimo episodio di Il punto di svolta podcast, torniamo alla recente crisi bancaria che ha eliminato la Silicon Valley Bank negli Stati Uniti e il Credit Suisse. Anche un’opportunità per porre domande più approfondite sul nostro sistema bancario. Soprattutto con Eric Dorr, Professore di Macroeconomia all’IESEG Lille Il che mette in discussione il problema critico della creazione.

Un piccolo promemoria Prima di tutto, oggi la maggior parte del denaro in circolazione è generato dalle banche commerciali, con l’aiuto dei prestiti. Quando un cliente prende in prestito denaro dalla sua banca, la banca accredita sul suo conto bancario l’importo preso in prestito. Tale importo appare quindi come denaro a disposizione del cliente, ma viene anche registrato come debito del cliente nei confronti della sua banca. La banca può quindi utilizzare questo debito per concedere nuovi prestiti e creare così fondi aggiuntivi.

In nessun modo le banche possono farlo e sono vincolate da tutta una serie di regole per limitare i rischi e garantire riserve patrimoniali ritenute adeguate. Tuttavia – lo abbiamo appena sperimentato di nuovo – in caso di crisi, la fiducia in un istituto bancario può evaporare molto rapidamente, e allora sono gli Stati e le banche centrali che devono intervenire nel disastro come vigili del fuoco per salvare banche e depositi . dai loro clienti.

Di conseguenza, alcuni economisti si chiedono se in futuro non dovremmo limitare la creazione di denaro alle sole banche centrali. L’economista Eric Dorr spiega che questa è un’idea che sta guadagnando sempre più seguaci nel tempo: “Si può immaginare che, a differenza di quanto accade oggi, dove solo le banche hanno un conto presso la Banca nazionale… domani, tu ed io, tutti… potremo avere un conto presso la Banca nazionale. Il fatto che tutte le banche nazionali oggi stiano pensando di sviluppare rende moneta elettronica Questa idea è molto meno probabile di quanto non fosse ieri..

Un’idea che inevitabilmente preoccupa le banche perché temono che, se questa idea si materializzerà, domani saranno improvvisamente inutili. Ma Eric Dorr lo aggiunge “Le banche commerciali possono ancora mantenere la loro funzione di prestito. Prenderanno in prestito dalla banca centrale e poi concederanno prestiti ai clienti perché sono quelle che hanno l’esperienza per poter cercare meglio i clienti buoni e cattivi. È più lungo dei depositi dei clienti ma sarà finanziato dalle banche centrali e riceverà prestiti all’economia.

Se vuoi approfondire questa idea, così come le altre grandi domande che la recente crisi pone al nostro sistema bancario, Prenditi il ​​tempo per ascoltare i 50 minuti del PODCAST di questa settimana “Déclic – Le Tournant”. Disponibile su La mia voce e sulle tue piattaforme di download.

READ  I clienti Colruyt sono rimasti sorpresi nel vedere una nota esposta sugli scaffali dei negozi!