Luglio 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

E se i test della saliva fossero più efficaci nell’identificare un omicron?

Secondo i risultati di uno studio preliminare, l’affidabilità dei test – nasofaringei o salivari – varierà a seconda del tipo di variante

In Francia, la reazione a catena della polimerasi (PCR) e il test dell’antigene nasofaringeo sono ora ampiamente preferiti per la rilevazione di Covid-19. Ma sono i più efficaci nel rilevare la variante Omicron? Secondo “Dinaro”Sempre più esperti ritengono che i test della saliva “consentiranno la diagnosi precoce di questa variante e ridurranno il rischio di falsi negativi”.

Il Journal du Dimanche cita in particolare un articolo del New York Times che, sulla base di uno studio preliminare pubblicato sulla rivista medica MedRxiv – i cui risultati non sono ancora stati confermati – dimostra utilizzando l’alternativa Omicron, un test della saliva affidabile al 100%. Rispetto all’86% utilizzando un tampone nasale. Per la variante delta, invece, i numeri sono invertiti: è il test nasofaringeo ad essere affidabile al 100% contro il 71% del test salivare. Pertanto l’affidabilità dei test dipenderà dal tipo di variabile.

in Francia dove I test della saliva sono offerti da febbraio 2021Il ministero della Salute, secondo “JD”, sta studiando la questione e “generando dati” per confrontare i due metodi di screening.

READ  L'orbita solare stanotte sfiorerà la Terra