Aprile 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dovremmo comprare dei duplicati, questi cosmetici a basso costo?

Dovremmo comprare dei duplicati, questi cosmetici a basso costo?

Le “sule”, queste imitazioni di cosmetici a basso costo, attirano sempre più giovani consumatori. Saccheggio dell'innovazione o buon affare?

La contraffazione non è un fenomeno nuovo. Le imitazioni di monete, gioielli e opere d'arte erano diffuse in epoca romana. Tuttavia, il settore della bellezza venne toccato solo nel 1986. A quel tempo, Il New York Times Titolo: “L'industria dei profumi è in subbuglio: le nuove fragranze sembrano prodotti di design, ma a una frazione del prezzo.”

A quel tempo, queste imitazioni erano un fenomeno senza precedenti e la loro produzione era gestita da un piccolo numero di aziende losche. Ma l’articolo era chiaro: nei prossimi anni l’industria della contraffazione esploderà nei settori dei cosmetici e dell’abbigliamento.

Tutti gli sciocchi sono sciocchi?

Il giornale aveva ragione, perché oggi stiamo affogando in quelli che chiamiamo “febbri”. Derivato dalla parola duplicare o “fare una copia esatta di qualcosa”, questo termine inglese si riferisce a imitazioni accessibili di prodotti di lusso.

Ma a differenza di “falso”, “dupe” ha una connotazione in qualche modo positiva sui social media. Su TikTok in particolare questa mania sembra inarrestabile: l’hashtag #dupe ha già collezionato cinque miliardi di visualizzazioni.

Imitando prodotti per capelli come Olaplex, il popolare Dyson Airwrap, Dior Lip Oil o fragranze ambite come Baccarat Rouge 540 della Maison Francis Kurkdjian, ce n'è per tutti i gusti. Lo stesso vale nel mondo della moda, dove le repliche di marchi come Uggs, Skims o Van Cleef & Arpels sono sempre più apprezzate.

@nawalhome

Trattamento capelli Olaplex (€2) in azione ✨️con un trattamento valutato 86/100 su Yucca. Azione Olaplex Duplex Kerplex Trattamento Olaplex o trattamento Olaplex🧖🏼‍♀️💆🏻‍♀️ Prodotto per il trattamento dei capelliAzione OlaplexShampoo Malls_SatokGruppo trattamento capelliCapelliCapelli danneggiatiNuova riparazioneLavoro

♬ Mi piace nwantinty (ah ah ah) – CKay

La sezione “Fool” su Google

I duplicati sono anche oggetto di articoli regolari, con alcuni giornalisti che confrontano i prodotti più recenti e più popolari con le loro controparti più convenienti. Anche Google è saltata sul carro. Le persone che cercano alternative economiche nel motore di ricerca vedranno apparire una sezione speciale “truffa” oltre ai soliti risultati. Ma da dove deriva questo cambiamento?

Sebbene i termini “truffa” e “falso” siano spesso usati in modo intercambiabile, ci sono importanti sfumature tra i due. La contraffazione avviene quando articoli popolari vengono imitati nei minimi dettagli, spesso con l’intento di fuorviare i consumatori.

Copia non molto accurata

Questi articoli sono prodotti illegalmente, violano i diritti d'autore e sono venduti a un prezzo economico. Un esempio da cartone animato ma rivelatore è una falsa borsa Louis Vuitton: il suo design è copiato alla perfezione, ma il motivo della fodera non è originale.

Le copie delle palette Huda Beauty che circolano su Internet contengono sostanze pericolose

I prodotti contraffatti, invece, non sono copie esatte, ma contengono caratteristiche, componenti o funzioni simili al prodotto originale. Generalmente sono prodotti legalmente, senza violare varie normative. Ciò potrebbe spiegare perché non sono (ancora) soggetti a restrizioni.

Produzione discutibile

Non tutti, però, ricevono la stessa accoglienza. “Gli imitatori nel settore della bellezza hanno una reputazione migliore di quelli della moda, ad esempio”, spiega Jan Agielink, uno specialista di moda. I pezzi di moda contraffatti sono sempre esistiti. Poiché somiglia molto al modello originale, è spesso considerato un plagio intellettuale e artistico.

Catene di fast fashion come Shein indulgono in questo modo in modo eccessivo, spesso a scapito degli stilisti indipendenti. “Queste copie vengono realizzate anche in paesi poveri, in condizioni deplorevoli e hanno un forte impatto sull’ambiente”, continua il nostro specialista. Si tratta di un fenomeno noto da decenni. »

© Illustrazione creata da Marie Gregoire utilizzando l'intelligenza artificiale (Midjourney ®)

Ma nel mondo della bellezza la situazione è un po’ diversa. “Quando acquisti una borsa che assomiglia molto a una borsa di un noto designer, la usi, la tiri fuori e la esponi”, dice l'esperto. Ma le creme e il trucco restano nel bagno dietro le quinte. Che si tratti della formula o dell'aspetto, a volte il prodotto originale e il prodotto sostitutivo sono difficili da distinguere una volta applicati. Il che spiega perché i prodotti di bellezza sono spesso considerati truffe Lecito. »

Gli erboristi furono depredati

Ma il confine tra contraffazione e falso a volte è labile. Prendiamo, ad esempio, le fragranze dei grandi magazzini come Zara e & Other Stories, che sono considerate “imitazione” di fragranze di lusso come Baccarat Rouge 540 e Tom Ford Cherry. Sebbene la qualità dei profumi contraffatti non possa essere paragonata a quella dell’originale, i profumi sono spesso stranamente simili. Tuttavia, i marchi originali hanno pochi modi per contrastare queste imitazioni: le fragranze sono effimere e non possono essere protette dal diritto d’autore. Pertanto, i marchi hanno difficoltà a contestare le loro risposte.

Sebbene la qualità dei profumi falsi non possa essere paragonata a quella di quelli originali, i profumi sono stranamente simili.

“Questo tipo di pratica solleva interrogativi”, afferma Charlotte de Luce. Come giornalista di bellezza per l'edizione olandese della rivista Flair, confronta regolarmente i prodotti con i falsi. Alcuni sul mercato sono decisamente pericolosi. Ad esempio, copie delle palette di ombretti di Huda Beauty (Nota dell'editore: La famosa blogger di bellezza) è recentemente diventata virale su Internet. Sembrava al 100% simile al prodotto originale ma conteneva ingredienti pericolosi.

Mare Nivea, stessa battaglia

“Queste false imitazioni dovrebbero essere evitate a tutti i costi e non sono una truffa. Se offriamo un prodotto al nostro pubblico, deve soddisfare determinate condizioni”, continua il giornalista. “Non deve essere una copia esatta e deve deve essere efficace e sicuro. Inoltre controlliamo sempre la composizione e gli ingredienti.” Per garantire che soddisfi gli standard etici. »

Secondo Charlotte de Luce, gli imbroglioni stanno sfidando l’industria della bellezza: “Alcuni marchi applicano prezzi esorbitanti per i loro prodotti, e le persone spesso pagano per il marketing, il packaging di lusso e le campagne pubblicitarie, mentre il contenuto non è molto diverso dai prodotti più economici”.

Su TikTok, i video dimostrativi che mettono a confronto prodotti di lusso con prodotti economici deliziano la Generazione Z

Il lusso è stato boicottato

Un esempio eloquente è Crème de La Mer, un prodotto che costa la bella cifra di 500 euro per 100 ml. Questo trattamento è stato recentemente confrontato in laboratorio con la crema Nivea, che costa solo 2 euro per 100 ml. Questa analisi è stata oggetto di un video virale. Conclusione?

Sebbene Crème de La Mer contenga una serie di ingredienti lussuosi, entrambi i prodotti hanno un effetto idratante simile. “Molti giovani non possono permettersi questo lusso, ma cercano di prendersi cura della propria pelle”, spiega Charlotte de Luce. Gli sciocchi sono l'alternativa perfetta. »

Se il rapporto qualità-prezzo gioca sicuramente un ruolo in questa mania, non vanno trascurati nemmeno il crescente attivismo sociale della generazione Z e il loro atteggiamento critico nei confronti dei (grandi) marchi.

Secondo la Edelman Trust Scale, i giovani hanno un grande potere come consumatori e sono molto esigenti nei confronti dei brand. “Difendono i loro valori fondamentali e non hanno paura di boicottare un'azienda al minimo errore. Intraprendono una vera azione politica”, spiega Jan Aglenk.

Lotta contro i miliardari

Campione degli sciocchi, il frenetico colosso americano della bellezza ELF produce oltre l'80% dei suoi prodotti in Cina

Questo sviluppo ha dato origine a un fenomeno sorprendente: il crescente movimento BDS. Su TikTok, i giovani si incoraggiano a vicenda a smettere di spendere le proprie fortune in prodotti costosi di marchi che non condividono i loro valori. Possiamo sentire: “Invece di riempire le tasche dei miliardari LVMH, spendete i vostri soldi per questi idioti a prezzi accessibili”.

Si tratta quindi anche di minare il dominio di marchi (molto) costosi, o addirittura del sistema capitalista. “La condivisione di informazioni ingannevoli sulle reti è una forma di resistenza”, spiega Jan Agielink. Quindi non sorprende che nascondere e limitare le informazioni su queste alternative, una pratica conosciuta online anche come “gatekeeping”, non sia di gusto di questa generazione.

Scegliere meno per comprare di più?

Secondo Gayle Ovren, ricercatrice di social media presso VUB, gli sciocchi sono anche una reazione alla “stanchezza degli influencer”: “Questo termine si riferisce all'avversione che le persone provano nei confronti degli influencer che promuovono costantemente prodotti. Lei analizza che gli abbonati mettono in dubbio la loro sincerità perché sono promuovere prodotti costosi ed esclusivi. Gli sciocchi sono una soluzione: sono visti come più autentici e meno legati agli interessi commerciali degli influencer. »

Finora, le ragioni per adottare dei creduloni sembrano più nobili. C'è quasi un piccolo aspetto alla Robin Hood nel rendere i prodotti di lusso accessibili a tutti. Ma non è ironico che combattiamo il consumo con il consumo?

Lettera senza effetto

“Quando vogliamo studiare tendenze come craze, cerchiamo sempre una spiegazione chiara e diretta. Tuttavia, il nostro comportamento di consumo a volte può essere contraddittorio e contraddittorio, spiega Aurélie van de Per, sociologa della moda. Recentemente ho scritto un articolo con i miei colleghi su giovani che “Preferiscono vestiti usati. Se fai affidamento sui beni usati per ragioni ambientali, ma ne compri troppi, in realtà stai andando contro le tue motivazioni.”

Ciò può sembrare ipocrita, ma un argomento non si esclude a vicenda. “Ciò dimostra che non sempre esistono spiegazioni univoche: il nostro comportamento di consumo può essere guidato da più fattori contemporaneamente”.

© Illustrazione creata da Marie Gregoire utilizzando l'intelligenza artificiale (Midjourney ®)

Pubblicità per l'originale

Secondo lei l’attivismo sociale e la lotta al consumo eccessivo sono necessari? Questa è l’occasione per porre domande serie. “Oltre alla questione etica, vale a dire l'impatto potenzialmente dannoso di questi prodotti sulle persone e sul pianeta, i prodotti contraffatti continuano a stimolare i consumi. Promuovendo una copia, si continua indirettamente ad attirare l'attenzione sul prodotto originale”. contribuire in alcuni casi alla crescente popolarità dei prodotti di bellezza di lusso.

Secondo l’istituto di ricerche di mercato Circana, nel 2023 ha registrato un fatturato di 32 miliardi di dollari, 7 miliardi di dollari in più rispetto al 2022. Ciò dimostra ancora una volta che le parole di Barnum, il fondatore del circo, famoso al PT, sono immortali: “Non esiste una cosa così brutta”. Fama mediatica. »

READ  Lo studio rileva che la Groenlandia potrebbe sciogliersi più facilmente del previsto