Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo una missione storica, la NASA dice addio al suo elicottero su Marte

Dopo una missione storica, la NASA dice addio al suo elicottero su Marte

Questa è la fine di una missione che ha superato ogni aspettativa: dopo quasi tre anni su Marte, il piccolo elicottero Ingenuity non sorvolerà più il Pianeta Rosso, a causa di un problema verificatosi durante il suo 72esimo volo, ha annunciato giovedì la NASA.

“Ciò che Ingenuity ha realizzato va ben oltre ciò che pensavamo fosse possibile”, ha detto in un video il capo della NASA Bill Nelson. L'elicottero “ha aperto la strada a futuri voli nel nostro sistema solare”.

Nel 2021, Ingenuity è diventato il primo robot a volare su un altro pianeta. Pertanto, ha dimostrato che è possibile volare nell'aria marziana, con una densità equivalente solo all'1% della densità dell'atmosfera terrestre.

Inizialmente l'elicottero avrebbe dovuto decollare solo cinque volte, ma poiché si è comportato così bene, la missione è stata prolungata fino ad oggi.

L'incidente è avvenuto la settimana scorsa durante il volo n.72. L'elicottero aveva raggiunto una quota di 12 metri, ma la comunicazione si è interrotta improvvisamente poco prima dell'atterraggio.

Riuscì finalmente a recuperarlo il giorno successivo, ma le squadre della NASA riuscirono a notare il “danno” nelle immagini recuperate pochi giorni dopo.

Giovedì è stata pubblicata una foto scattata dallo stesso elicottero, che mostra l'ombra di una delle pale del rotore danneggiata.

Manca “circa il 25%” del codice, ha detto in una conferenza stampa Teddy Tzanitos, responsabile della missione presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA.

Ha sottolineato che “forse non sapremo mai” esattamente cosa è successo, a causa della temporanea perdita di trasmissione dei dati alla fine dell'ultimo volo. “Ma il nostro giudizio ingegneristico ci porta a credere che durante l’atterraggio una lama abbia colpito la superficie marziana”.

READ  Il videoproiettore 8K a ottica ultra corta di Samsung è bello e wireless

Pertanto l’elicottero non ha più la spinta necessaria per volare. La causa della disconnessione è ancora oggetto di studio, ma secondo Tzanitos potrebbe essere collegata all'impatto stesso.

Ha aggiunto che è possibile che altre pale siano state danneggiate, cosa che i team della NASA stanno ancora cercando di confermare.

L'agenzia spaziale ha affermato che durante il suo 71esimo volo, Ingenuity era già stato costretto a effettuare un atterraggio di emergenza. Allora operava su terreni difficili perché non aveva molto comfort, il che rappresentava una sfida per il suo sistema di navigazione autonomo, che si basava su punti di riferimento a terra.

Il volo n. 72, che doveva essere breve, fu effettuato nelle stesse condizioni.

-Esploratore-

Lungi dall'essere triste, questo annuncio rende omaggio a tutte le conquiste della macchina.

“L'innovazione ha completamente sconvolto il nostro paradigma di esplorazione, aggiungendo una nuova dimensione atmosferica”, ha affermato Lori Glaze, direttore delle scienze planetarie della NASA.

L'elicottero pesa solo 1,8 kg e sembra un grande drone.

In totale ha percorso circa 17 chilometri e ha volato ad un'altitudine di 24 metri. Il suo tempo di volo cumulativo è di più di due ore.

È arrivato su Marte nel febbraio 2021, a bordo del rover Perseverance, la cui missione è cercare tracce di antica vita microbica su Marte.

Così Ingenuity ha potuto svolgere il ruolo di ricognizione aerea per assistere il suo compagno su ruote.

La NASA ha affermato che quest’ultimo è attualmente “troppo lontano” per tentare di visitare l’elicottero e fotografarlo da vicino.

Poiché il rover funge da relè per trasferire i dati tra Ingenuity e la Terra, il contatto con l'elicottero verrà perso quando Perseverance continuerà il suo volo.

READ  Videogioco: Nintendo ha venduto oltre 7 milioni di console Switch nel 2018

La longevità di Ingenuity è notevole, sapendo in particolare che ha dovuto sopravvivere alle gelide notti marziane riscaldandosi grazie ai pannelli solari che durante il giorno ne caricavano le batterie.

L'agenzia spaziale statunitense sta già lavorando a un altro progetto di macchina volante, nell'ambito della missione Dragonfly, questa volta con destinazione Titano, la luna più grande di Saturno.

Gli elicotteri potrebbero anche, in futuro, aiutare l’esplorazione umana di Marte, ha detto Teddy Tzanitos: “Nessuno dovrebbe più sorprendersi se, in futuro, i primi astronauti, la prima donna e il primo uomo sulla superficie saranno circondati da una flotta di aerei, filmando queste scene.