Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

DNA problematico: i grandi felini insoliti vagano liberamente in Gran Bretagna?

DNA problematico: i grandi felini insoliti vagano liberamente in Gran Bretagna?

Le vaste campagne della Gran Bretagna sono da tempo teatro di voci persistenti sulla presenza di grandi felini, come i ghepardi. Voci alimentate da storie e testimonianze sparse, foto sfocate e corpi che mostrano segni inspiegabili.

Per decenni queste misteriose creature hanno catturato l’immaginario collettivo, ma senza alcuna prova scientifica a sostegno di queste osservazioni. Fuggiti dallo zoo, liberati o addirittura sopravvissuti a ex specie autoctone, non mancano le ipotesi per spiegare la loro possibile esistenza.

Recentemente, un team di ricercatori dell’Università di Warwick, guidato dal professor Robin Alabi, ha compiuto un passo avanti decisivo identificando il DNA di leopardo su una carcassa di pecora nel Lake District. La scoperta scuote la comprensione della fauna selvatica britannica e potrebbe confermare la presenza di questi sfuggenti predatori nelle nostre campagne, sollevando interrogativi sul loro impatto ambientale e sulla necessità di nuove misure di gestione.

Una lunga storia di strani avvistamenti

Gli avvistamenti di grandi felini in Gran Bretagna risalgono a decenni fa, soprattutto in Cumbria. Negli anni ’60 iniziarono ad apparire i primi resoconti di grandi felini neri, spesso descritti come “pantere”. Il fascino verso queste creature è cresciuto negli anni, con sempre più segnalazioni. Nel 2000, i giardinieri riferirono di aver visto un leopardo sportivo a Orest Head, subito dopo aver letto resoconti di grandi creature nere a Winster e Farlton. Nel 2006, un escursionista ha avvistato un leopardo in pieno giorno a Old Houghton.

Gli anni 2000 hanno visto un’intensificazione dei rapporti di avvistamento. Nel 2015, Nich Boden è stato attaccato in una foresta vicino a Tarn Hows Wood e si è svegliato con tagli profondi e segni di artigli. Poi, nel 2017, diversi residenti nel sud della Cumbria hanno riferito alla polizia di avvistamenti di grandi felini, con descrizioni dettagliate tra cui una “pantera nera” seduta su un muro.

READ  Hauts de Rouen: un programma sportivo sano per incoraggiare le donne che vivono nel quartiere a tornare allo sport

Nel 2018, una coppia è rimasta scioccata quando ha visto un grosso gatto selvatico nella Riserva naturale di South Walney, nonostante il personale locale insistesse che si trattasse di un gatto selvatico. Continuano le testimonianze video e fotografiche, anche se spesso poco chiare o contestate. Nel 2021, Claire Harvey è fuggita da un grosso felino sulla Pike of Plesco, aggiungendo un’altra storia straordinaria a questa lunga serie di misteriosi avvistamenti.

Rivelare le scoperte scientifiche dei ghepardi

Nell’ottobre 2023, l’amante dei grandi felini Sharon Larkin Snowden, residente in Cumbria, ha fatto un’interessante scoperta in una zona remota del Lake District. Durante una delle sue passeggiate mattutine, si è imbattuta in una carcassa di agnello appena ucciso. Dopo un’attenta osservazione, ho notato prove che un insolito predatore potrebbe essere stato responsabile della morte dell’animale.

Convinto che potesse essere coinvolto un grosso felino, Larkin Snowden prelevò attentamente un campione dell’animale. Poi ho chiamato Rick Minter, conduttore del podcast “Big Cat Conversations”. È noto per aver documentato storie di incontri con grandi felini nel Regno Unito. Minter passò il campione al professor Robin Alabi dell’Università di Warwick per ulteriori analisi.

Il professor Allabi, specializzato in biologia molecolare, ha eseguito l’analisi genetica del campione. I risultati hanno rivelato la presenza di DNA appartenente ad una famiglia Tigre. Ciò suggerisce che un grosso gatto, forse un leopardo, potrebbe aver attaccato le pecore. Questa sarà la prima identificazione del DNA di un grosso felino su una carcassa nel Regno Unito. Ciò conferma queste voci. ” Questo mi rende un convertito “Ha detto Al-Alabi BBC. “ Finora ho mantenuto la mente aperta, ma questi risultati sono un punto di svolta ».

READ  Regione | video. La Penne-sur-Huveaune: soffre del morbo di Parkinson e si rivela in una scena

Testimonianze e feedback

Sharon Larkin Snowden ha raccontato un’esperienza straordinaria quando ha scoperto la carcassa della pecora. Ha spiegato che quando si è avvicinata al sito, ha visto una grande creatura nera scappare. ” All’inizio pensavo che fosse un cane da pastore Lei spiegò. ” Ma dopo un esame più attento, mi sono reso conto che era un grosso gatto nero, delle dimensioni di un pastore tedesco. Questa testimonianza visiva, oltre al ritrovamento del corpo mutilato, ha rafforzato i suoi sospetti sulla presenza di un grosso felino nella zona.

La scoperta del DNA del ghepardo ha riacceso l’interesse e il dibattito sulla presenza dei grandi felini nel Regno Unito. Rick Minter aveva già raccolto più di 1.000 testimonianze di incontri con grandi felini prima di questo incidente. Ma è cautamente ottimista. ” Questa scoperta potrebbe essere la prova che stavamo aspettando “, aggiunge. Minter sostiene da tempo che queste creature esistessero.

Ma le prove scientifiche non hanno verificato i numerosi resoconti aneddotici. Questa analisi del DNA apre la strada a una rivalutazione della fauna selvatica britannica. Le implicazioni di questa scoperta sono ampie. In effetti, sta innescando vivaci dibattiti sulle misure necessarie per comprendere e gestire la presenza di questi predatori nelle campagne del Regno Unito.

Persistono dubbi sui Panthers

Nonostante queste prove, alcuni scienziati rimangono scettici riguardo alla presenza confermata di grandi felini in Gran Bretagna. Il dottor Egil Drøge, esperto di relazioni predatore-preda presso l’Università di Oxford, ha espresso forti riserve. ” Se un grosso felino esistesse davvero, dovremmo avere prove più concrete, come foto chiare e più segnalazioni di attacchi a carcasse di pecore. Secondo lui, l’assenza di queste ulteriori prove visive e fisiche rende difficile la verifica finale.

READ  Questa interfaccia cervello-macchina può leggere la mente!

Sottolinea inoltre che i ghepardi generalmente lasciano segni più visibili della loro attività. Tra le altre cose, dovrebbero esserci segni di artigli, impronte e un marcato aumento degli episodi di predazione del bestiame. Tuttavia, ciò non è stato osservato in modo significativo nella zona.

Potremmo anche chiederci se il campione sia falso. Su questo punto il professor Al-Halabi sembra certo. Lui spiega: ” Se fosse falso, mi aspetterei che ci fosse abbastanza DNA per essere sicuro di trovarlo. Alcune molecole saranno molto difficili da coltivare in modo competente. Non credo che potrei farlo, tanto meno una persona normale ».

Sebbene sia entusiasta dei risultati ottenuti, riconosce anche la necessità di ulteriori conferme. ” Abbiamo bisogno di più campioni per essere definitivi. A conti fatti, penso che questa sia una premessa vera, ma è troppo presto per pubblicare un articolo scientifico su questa base. Questa cautela è stata motivata dal fatto che la quantità di DNA ritrovata era esigua ed è stato necessario ripetere le analisi con altri campioni per eliminare ogni possibilità di contaminazione o errore.