Aprile 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Decoded – Da Rocco Siffredi al cinema per donne: come incide la pornografia sulla nostra vita sessuale?

Decoded – Da Rocco Siffredi al cinema per donne: come incide la pornografia sulla nostra vita sessuale?

Fin dalla prima adolescenza, la maggior parte di noi è stata esposta alla pornografia. Queste immagini influenzeranno la nostra rappresentazione del genere. è una cosa buona o cattiva?

Iniziamo questo processo di decrittazione con un numero, o meglio un rapporto sorprendente: “All’età di 11 anni, oltre l’80% dei bambini è entrato in contatto con la pornografia”. Questi dati francesi sono stati condivisi da Pascal de Sutter, PhD, psicologo e sessuologo e professore all'Università della California, Lovanio. Per lui non ci sono dubbi:”È chiaro che queste immagini influenzeranno in un modo o nell’altro la nostra visione della sessualità e il nostro comportamento sessuale..

Quanto è grande questo effetto? È difficile da valutare. Ma possiamo dire che la pornografia “Fornisce una parte importante dell'educazione sessuale per i giovani di oggi.”.



Quindi la domanda è: è una cosa positiva o negativa? Non dovremmo commettere l’errore di mettere tutta la pornografia nella stessa categoria. “È un po' come dire: il cinema è buono o cattivo? Ci sono film eccellenti e altri disastrosi. Ci sono film buoni e altri molto tossici. Con la pornografia è lo stesso. È un discorso molto ampio.”Diapositive di Pascal de Sutter.

Lo specialista prende, ad esempio: “La pornografia fatta da donne per le donne, con scenari sofisticati e comportamenti molto rispettosi per entrambi i sessi. E poi c'è la pornografia estremamente violenta, insensata, che mostra orrori che possono essere dolorosi.”.

La maggior parte delle persone oggi guarda film realizzati da dilettanti

Yves Psalti, PhD, PhD in Scienze Biomediche e Sessuologia, concorda: “La maggior parte delle persone oggi guardano film fatti da dilettanti perché parlano con loro, perché si riconoscono. Le persone non si riconoscono, dal punto di vista fisico o comportamentale, nei film dell'industria del porno. I film fatti da donne, “Per le donne, non pongono alcun problema; film senza primi piani saturi, dove non vediamo solo sesso. Ci sono anche sguardi e talvolta la gente dice a se stessa: “Ti amo”.. Film dall'aspetto naturale e reale, insomma rispetto ai film pornografici che spesso mostrano una visione irrealistica dei corpi e delle performance di donne e uomini. A questo proposito Yves Psalti si riferisce a Rocco Siffredi, il pornodivo italiano: “Ad un certo punto della sua vita, mentre girava i suoi film, prendeva una donna, la afferrava per i capelli, la metteva nel water e tirava lo sciacquone. Ovviamente non credo che molte persone fossero entusiaste di poterlo fare. “Dopodiché credo che si sia reso conto dell'errore commesso e abbia invertito la rotta”.. Generalmente, “Gli adulti che lo guardano sanno distinguere le cose e notano quando è completamente 'falso', bugiardo e irrilevante per la relazione. Non vorranno guardarlo.”.

READ  Donald Trump porta denuncia contro Hillary Clinton per "cospirazione"
-->



Il 5% degli uomini è dipendente dalla pornografia

Per Iv Psalti, devi anche sapere a chi stai fornendo questi contenuti: “Non a tutti piace la vita sessuale”. Ecco perché si sono lasciati.”I “sex haters”, coloro che non amano molto il sesso, non apprezzeranno questo tipo di film, dai “sexlovers” o amanti del sesso che ci vedranno un lato divertente, al “sesso intermittente” che per loro è “sì” un giorno”, un giorno no.

La pornografia molto ricercata e vista può avere un impatto diretto sulle pratiche sessuali: “Quando i giovani vedono ripetutamente comportamenti che sembrano abituali, tendono a integrarli come comportamenti abituali. Ad esempio, il fatto che vediamo così pochi preliminari e così tante donne che si dedicano al piacere di un uomo, avrà un grande impatto. Molti i giovani non sanno come procurare piacere.” Al loro partner.”Pascal de Sutter se ne rammarica.

Pertanto, la selezione dei film è essenziale, perché molte produzioni trasmettono ancora cliché sessuali e rappresentazioni di dominanza. Per Pasquale de Sutter, “A volte c'è qualcosa di più di prima. Possiamo chiederci perché c'è un'amplificazione di comportamenti in cui vediamo donne umiliate, schiaffeggiate, mentre in passato questo era un'eccezione, film molto privati. Lo notiamo quando vediamo i film più guardavo film su siti porno.”Pascal de Sutter evidenzia il percorso di lettura: “La mia ipotesi, come psicologa e sessuologa, è che nella società attuale ci sia una sorta di riequilibrio tra uomini e donne, e che in effetti ci siano uomini che sono un po’ persi nella loro identità maschile, beh forse la troveranno una qualche forma di compensazione vedendo immagini di natura sessuale in cui si verificano giochi di dominanza..

READ  Tre gendarmi sono in stato di assoluta emergenza, e una persona rimane uccisa nell'esplosione di una casa in Francia (foto)
-->



Lo psicologo sottolinea inoltre che le donne non guardano molto spesso i film pornografici. “Non generalizzare, perché ogni donna è diversa.”. Di più, “C'è ancora una tendenza secondo cui le donne sono più sensibili alla lettura che alle immagini. Un buon esempio di ciò è il successo globale di Cinquanta sfumature di grigio, perché le donne preferiscono leggere dove possono liberare la loro immaginazione e ottengono solo immagini visive. “. Ovviamente i consumatori saranno più spesso uomini, perché sono più stimolati dalle immagini, anche se ognuno è diverso.

Può essere interessante guardare film adatti al divertimento maschile e femminile

La pornografia può anche diventare un'ossessione e una dipendenza. “La stimolazione sessuale è una delle sostanze che creano maggiore dipendenza. Alcuni ricercatori ritengono che le sostanze neurochimiche che vengono stimolate nel cervello quando si guardano film pornografici siano simili all'uso di eroina. Crea molta dipendenza e in alcuni uomini si trasforma in una dipendenza. È ritiene che circa il 5% degli uomini sia “dipendente”. “Davvero interessato alla pornografia”Pascal de Sutter identifica. Soprattutto perché è di facile accesso. “A un certo punto, dovevi noleggiare cassette, prenderle, restituirle, e questo richiedeva un sacco di soldi. Quindi, alcuni ragazzi non le guardavano mai o le guardavano solo un po' quando erano adolescenti. Oggi, con qualsiasi Connessione ad Internet, potrai accedere gratuitamente in pochi click ad una quantità infinita di contenuti”Lui ricorda.

In alcuni casi, ad esempio, “Per risvegliare il desiderio sessuale, l’uso della pornografia può essere utile”.Pascal de Sutter, che dà consigli soprattutto ai giovani, dice: “Interessarsi ai film realizzati da donne per le donne. Questo mostra ancora una sessualità molto diversa dalla tendenza generale che possiamo osservare nella pornografia classica. È molto ricco e fornisce altre immagini e questo permette ai giovani di comprendere meglio come le donne la sessualità funziona.”.

Altrimenti si rischia di cadere in un circolo vizioso, “Gli uomini vedono cosa li eccita. Funziona così. È un settore il cui obiettivo è fare soldi. Mostreremo loro cosa è più eccitante per loro, ma non particolarmente cosa è più funzionale, cosa dà loro più piacere, il meglio l'erezione, non in particolare, ti consente di ottenere la massima soddisfazione con il tuo partner.conferma Pascal de Sutter.

READ  Il rischio di deviare le armi inviate in Ucraina è ridotto al minimo

“Guardare il porno per il piacere maschile e femminile può essere interessante, ad esempio per le coppie un po' assonnate.”stima di due specialisti intervistati. “Per scoprire qualcos’altro, trarre ispirazione e talvolta rimotivare le coppie in difficoltà, questo può essere uno strumento clinico”.Aggiunge Pascal de Sutter.

Il documentario “ROCCO” è rivolto ad un pubblico informato (-16) ed è disponibile esclusivamente su Gioca a RTL.