Agosto 12, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Corona Virus: quanto tempo rimani contagioso dopo essere stato infettato?

In generale, più i sintomi sono gravi e persistenti, più è probabile che il virus si trasmetta.

Tempo di lettura: 2 minuti

ilLa durata dell’infezione con il virus Covid-19 non è stata determinata, ma per il Consiglio supremo della sanità pubblica in Francia, i pazienti guariti possono nuovamente comunicare con altre persone dopo la revoca del rigoroso isolamento, ricorda per l’unione.

Questo dovrebbe essere fatto almeno 10 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi (o la data del prelievo se la persona è asintomatica) e altre 48 ore dopo la scomparsa della febbre.

Per Inserm, l’Istituto nazionale per la salute e la ricerca medica, “ci vogliono in media da 5 a 8 giorni tra la cattura del virus e se può essere trasmesso o meno a una terza parte che mostra i sintomi. Il rischio di trasmissione è più alto quando compaiono questi sintomi (quando compaiono), ma in media iniziano due o tre giorni prima. Questo rischio poi diminuisce gradualmente dal settimo giorno dopo la comparsa dei sintomi. Diventa limitato dopo 10 giorni ed eccezionale dopo 14 giorni.”

Ma questi tempi sono solo medi e possono variare a seconda della linea virale studiata: in generale, più gravi e persistenti sono i sintomi, maggiore è la possibilità di trasmissione del virus.

Inoltre, il periodo di incubazione per il COVID-19 (il tempo che intercorre tra la contaminazione e la comparsa dei primi sintomi) varia generalmente da 3 a 5 giorni, tuttavia può estendersi fino a 14 giorni. Durante questo periodo, il paziente può essere contagioso: può essere portatore del virus prima che compaiano i sintomi o quando compaiono segnali deboli.

READ  Qual è la percentuale di rischio di ricovero più bassa con Omicron rispetto a Delta? Un ampio studio rivela nuovi numeri