Dicembre 1, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Contenimento in Austria da lunedì: cosa sappiamo

Il reinserimento generalizzato entrerà in vigore lunedì 22 novembre. Il cancelliere conservatore Alexander Schallenberg ha anche annunciato l’introduzione della vaccinazione obbligatoria per l’intera popolazione a partire dal 1 febbraio 2022.

Tempo di lettura: 2 minuti

IlL’Austria limiterà tutti i suoi residenti lunedì e ha deciso di rendere obbligatoria la vaccinazione dal 1 febbraio, diventando il primo paese dell’Unione europea ad adottare tali misure di fronte a una ripresa dei casi di Covid. Dobbiamo “guardare in faccia la realtà”, ha detto il cancelliere conservatore Alexander Schallenberg in una conferenza stampa in Tirolo, dopo aver discusso con tutti i governatori regionali.

Nonostante mesi di persuasione, ha affermato, non siamo stati in grado di ottenere abbastanza persone da vaccinare, lamentando l’attuale sovraccarico delle unità di terapia intensiva. “Aumentare in modo sostenibile il tasso di vaccinazione è l’unico modo per uscire da questo circolo vizioso”, ha detto Schallenberg, definendolo un “biglietto d’uscita” dalla pandemia.

Ha anche annunciato la reclusione per “20 giorni”. In Europa l’epidemia sta correndo e diversi Paesi hanno annunciato inasprimenti delle restrizioni negli ultimi giorni, in Svezia, Germania o Grecia.

Già da lunedì in Austria, ai due milioni di persone non vaccinate non è stato permesso di uscire di casa se non per fare shopping, fare sport o cure mediche.

D’ora in poi, l’intera popolazione di 8,9 milioni di persone è interessata da questo provvedimento in questo Paese con un tasso di vaccinazione del 66%, leggermente inferiore alla media europea, nonostante l’introduzione del permesso sanitario dalla primavera.

Le recenti restrizioni imposte dal governo hanno portato a un aumento significativo del numero di registrazioni nei centri di vaccinazione. Ma il numero dei casi continua ad aumentare, attestandosi a livelli senza precedenti dallo scoppio dell’epidemia: giovedì sono stati registrati oltre 15.000 nuovi contagi.

READ  L'Agenzia europea per i medicinali deciderà tra "poche settimane" se consentire l'uso del tablet Merck