Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

consumo. Ottimi prodotti chimici per la pulizia

Nel 2009 è stato creato il concetto di confini planetari, che definisce lo spazio per lo sviluppo sostenibile e sicuro dell’umanità. Si basa su nove processi biofisici che insieme garantiscono l’equilibrio della Terra. Per quattro di loro sono state superate le soglie critiche. Nel gennaio 2022 14 famosi scienziati hanno pubblicato uno studio secondo il quale era stato appena superato il quinto limite, ovvero l’inquinamento chimico. E alla fine di aprile, sarebbe stato accessibile il ciclo dell’acqua dolce.

Norme vigenti limitate

Secondo l’Eurostat dell’Unione Europea (UE), ogni anno nell’Unione Europea vengono prodotte più di 300 milioni di tonnellate di sostanze chimiche. Il regolamento sull’accesso (regolamento europeo sulle sostanze chimiche) richiede ai produttori di registrare le proprie sostanze presso l’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA). Ma questo regolamento ha i suoi limiti di fronte al rapido sviluppo del settore. In effetti, ogni 1,4 secondi un nuovo prodotto chimico viene sviluppato in Europa, secondo l’European Environment Bureau (EEB), un’organizzazione di oltre 140 organizzazioni ambientali nell’Unione Europea (UE).

Divieto delle sostanze più nocive

Mentre la produzione chimica è raddoppiata di 50 unità dal 1950, la questione è stata affrontata dalla Commissione europea. Nella tabella di marcia pubblicata il 25 aprile, ha rilevato il desiderio di vietare entro il 2030 le sostanze chimiche tossiche che sono “più dannose per la salute umana e l’ambiente”. Questo approccio fa anche parte della sua strategia per la sostenibilità nel campo dei prodotti chimici, nel quadro del Green Deal europeo (Green Deal europeo).

Si rivolge a più di sei famiglie di sostanze esaminate dall’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA): il gruppo dei PVC (polivinilcloruri), parabeni, BFR, ftalati, bisfenoli, etere glicolico. Questi rappresentano le migliaia di prodotti chimici che si trovano nei giocattoli, nei tessuti, negli imballaggi alimentari, nei mobili, nelle pitture e nelle vernici… e alcuni di essi si accumulano nel corpo.

READ  Esercizio: aumenta gli endocannabinoidi e riduce l'infiammazione

Migliaia di prodotti danneggiati

Il Consiglio europeo dei medicinali stima che dovrebbero essere vietate tra le 4.000 e le 7.000 sostanze. In tal caso, secondo l’autorità, sarebbe “la più grande rimozione normativa mai effettuata di una sostanza chimica autorizzata”.

Questa tabella di marcia integra la revisione in corso dell’elenco di accesso. La Commissione Europea punta ad eliminare le sostanze chimiche più pericolose per la salute e l’ambiente nei prodotti di consumo entro il 2030. L’elenco delle sostanze in questione sarà aggiornato e rivisto ogni anno.

Da parte loro, gli industriali sono contrari a questa decisione. Secondo il Consiglio europeo per le industrie chimiche (Cefic), la misura inciderà del 28% sul volume delle vendite di questo settore. Negli ultimi mesi hanno esercitato una forte pressione a Bruxelles, rilevando in particolare la grande incertezza che grava su di loro. Martin Bordermiller, Presidente di Cefic, spiega: “L’industria ha bisogno di un quadro di crescita prevedibile per gli investimenti economici nei prossimi due decenni. »

Per BEE il disagio deriva anche dal fatto che la Commissione Europea prende di mira intere famiglie di composti chimici e non prepara più le sostanze caso per caso. I produttori tendono a modificare leggermente le formulazioni chimiche per evitare divieti. Tuttavia, ciò non sarà più possibile, perché i regolamenti imporranno restrizioni secondo l’approccio di gruppo “dove il membro più dannoso della famiglia chimica stabilisce le restrizioni legali per tutti i membri della famiglia”, specifica BEE.

www.consommer-aujourdhui.fr