Luglio 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Concerto estemporaneo dei Blur a Madrid: un momento eccezionale con un’atmosfera tanto surreale quanto energica

Concerto estemporaneo dei Blur a Madrid: un momento eccezionale con un’atmosfera tanto surreale quanto energica

È l’ossessione assoluta dei frequentatori di festival, un incubo per gli amanti della musica. Il Festival Primavera, che avrebbe dovuto aprirsi a Madrid il giorno successivo, ha annunciato mercoledì sera che il primo giorno dei suoi tre giorni era stato annullato a causa dei temporali. Le piogge torrenziali che hanno devastato la Spagna centrale per una settimana hanno reso il sito impraticabile per i circa 50.000 partecipanti al festival attesi, che si affrettavano per la città in cerca di intrattenimento (o tini di birra, nel caso del pubblico britannico, che avrebbero presto trovato la strada per il pub più vicino). Esiste ancora al momento della stesura di queste poche righe.) Aspettiamo disperatamente un cenno, un segno, qualcosa. Forse anche tutti questi artisti sono bloccati a Madrid e le band più piccole potrebbero trovare una scena alternativa.

1.500 persone in uno strano club

Verso le 14 cala la notizia: a fine giornata verrà organizzata una serata elettronica “Boiler Room” in un locale della città, ma c’è qualcosa di più forte e verosimile: i Blur, titolo assoluto del giovedì, daranno il gruppo previsto… in sala da 1.500 persone. Tutti i frequentatori del festival con un biglietto “a richiesta” possono accedere gratuitamente tramite la richiesta del festival “dalle 16:00. Basti pensare che all’ora del tè tutti i caffè di Madrid si riempiono di giovani che premono freneticamente il ‘refresh’ per questo esclusivo concerto che ci riporta ai primi anni ’90, quando una rock band londinese si esibiva in spettacoli sovralimentati in bische da poche centinaia di posti a sedere.

La Riviera e le sue palme

In meno di 24 ore, gli organizzatori del festival hanno trovato l’ambientazione perfetta…o quasi: una discoteca esotica chiamata “La Riviera” con un bar centrale, una palma gigante, Cuba libre e shot di tequila. Quando Damon Albarn arriva sul palco insieme a Graham Coxon, Alex James e Dave Rowntree alle 21:30, l’atmosfera è tanto surreale quanto energica. Ci è stato detto che ci sono 1.300 persone fortunate là fuori, incluso Kendrick Lamar, che si esibirà venerdì sera, e il suo nome è stato aggiunto alla lista degli invitati. Kendrick ha fatto un buon lavoro, i Blur hanno giocato alla perfezione e hanno tenuto un concerto straordinario per più di due ore. Lo sappiamo, ma possiamo solo rivederlo: Damon Albarn è l’incarnazione dell’atteggiamento cool. Tutti sorrisi, rilassati, radiosi, dando la sensazione di aver padroneggiato completamente la sua materia e dando il primo concerto della sua vita.

READ  "Sono rimasto deluso, persino rattristato": Thierry Ardisson fatica a fare i conti con il fallimento dell'"Hôtel du temps"

“Ritorno agli Andois”

“St-Charles Square”, “No Other Way” e “Popscene” aprono le danze. Il pubblico è un po’ troppo debole per i nostri gusti, ma Graham & Company ne ha visti altri. “Trouble in the Message Center”, “Tracy Jacks”, “Chemistry World”, “Beetlebum” e “Country Sad Ballad Man” alleggeriscono il franchise. Le prime file iniziano a muoversi dolcemente, prima che un altro “Coffee and TV”, “Parklife” o “Song 2” arrivino a completare il set. Sfocando sul palco per un’ora e mezza, usciamo, prima di ricevere un messaggio intitolato “Ma cosa fai? SForza Andouilles, i Blur tornano sul palcoPer quanto possa sembrare incredibile, la rock band sta suonando… più a lungo di quanto originariamente previsto dal festival. ‘Girls and Boys’, ‘Tender’, ‘Narcissist’ e ‘Universal’ fanno tremare le palme delle mani Per l’ultima volta… Grazie ragazzi e niente maiuscole.