Maggio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Come si supera la sindrome dell’impostore?

Come si supera la sindrome dell’impostore?

Se hai questa sindrome, è importante parlare con qualcuno di cui ti fidi.
Attestazione: iStock

La sindrome dell’impostore è una sensazione incredibile e irrazionale di mettere in discussione i propri valori. Sono persone che dubitano costantemente di se stesse e distorcono ciò che fanno perché attribuiscono il loro successo a fattori esterni.come la fortuna, al momento giusto, il fatto di incontrare la persona giusta al momento giusto… Insomma, per tutto tranne che per se stessi.

Si parla di sindrome dell’impostore perché le persone che ne soffrono credono di dare poco contributo al proprio successo, e quindi si sentono un imbroglione. Il termine “sindrome dell’impostore” è stato coniato nel 1978 da due psicologi americanima questa fastidiosa sensazione di non essere abbastanza bravo deve essere presente da molto tempo.
“La sindrome dell’impostore colpisce spesso persone molto intelligenti, molte donne”, afferma il dottor Olivier Revol, psichiatra dell’Hospices Civils de Lyon. Dice che una sua paziente, di alto potenziale, abile negli studi e affetta da questa sindrome, un giorno gli disse: “Nella mia nuova scuola, capiranno presto che sono il trucco del secolo.!” . Questa affermazione mostra lo stato d’animo in cui si trovano le persone con questa sindrome. Sono convinti che il loro successo sia indegno, che siano frodi e che scopriremo il vaso di rose.

Ansia e rischio di burnout

Questa sindrome provoca tensione e genera anche ansia, perché le persone credono di aver ingannato tutti e che in qualsiasi momento possono essere smascherate.

La sindrome dell’impostore ti espone anche ad altri rischi. Possiamo fare molto per nascondere quella che consideriamo la nostra inadeguatezza e, in questo caso, rischiamo il burnout. “Il secondo rischio, che è raro, è quello opposto, che è quello di non fare altro, dice lo psichiatra. E cioè di trovarsi in uno stato di autosabotaggio. In questo modo la persona può attribuire il proprio fallimento al fatto che non sta lavorando”. Possiamo anche perdere opportunità e rifiutare proposte perché non ci sentiamo abbastanza qualificati.

READ  Dopo i 40 anni i controlli medici regolari riducono il tasso di mortalità

Cosa fai per sbarazzartene?

Molte persone con la sindrome dell’impostore non osano chiedere aiuto perché pensano che confermerà il fatto che sono incompetenti. Tuttavia, la prima cosa che si consiglia in questa situazione è parlare con qualcuno di cui ti fidi., una persona cara, un medico, uno psichiatra… Esteriorizzare i propri dubbi è liberatorio. E secondo lo psichiatra, si possono anche seguire le Quattro Convenzioni Tolteche. Sono queste regole di vita stabilite dallo sciamano messicano, Miguel Ruiz, che ne hanno fatto un bestseller. Non sono falsi. Queste sono buone regole per migliorare. Si tratta di non prendere le cose sul personale, di non fare supposizioni sulle intenzioni o capacità degli altri, di fare sempre del proprio meglio senza giudicarsi e di avere una parola impeccabile in ogni circostanza. Queste regole possono aiutare quando si è bloccati in false credenze. Questo è il caso in cui hai la sindrome dell’impostore perché dubiti di te stesso nonostante i tuoi successi.

Visualizza il successo

Un’ultima cosa da sapere: ciò che ci diciamo può davvero cambiare il modo in cui ci vediamo.. Quindi, ad esempio, possiamo fare un elenco di cose che dimostrano che siamo qualificati come chiunque altro per svolgere questo lavoro o svolgere questo lavoro. Questo ti permette di trovare una visione obiettiva di te stesso. Visualizzare il successo può anche aiutarti ad affrontare una situazione con un buon stato d’animo. E in caso di fallimento, è importante ricordare che anche i migliori sbagliano e falliscono.. Il fallimento non ti rende una frode. Possiamo anche imparare dai nostri errori e andare avanti.

La redazione consiglia