Dicembre 3, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Come si spiega l’aumento dei prezzi delle materie prime?

Questo aumento dei prezzi dei prodotti di base è temporaneo e cosa puoi spiegarlo? Le famiglie marocchine si chiedono alla ricerca di risposte a questa situazione, che colpisce gravemente il paniere della casalinga. Si ritiene che questo aumento dei prezzi sia dovuto all’aumento dei prezzi mondiali delle materie prime e dei prezzi dei prodotti importati dagli Stati Uniti e dall’Europa. Notizie SNRT.

Da leggere: Marocco: la FAO spiega l’aumento dei prezzi del pane

I media evocano anche la crisi sanitaria e l’attuale periodo di ripresa economica internazionale caratterizzato da forte domanda e scarsa offerta. Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), l’indice dei prezzi alimentari è aumentato del 3% lo scorso ottobre, raggiungendo il livello più alto degli ultimi dieci anni. La stessa fonte aggiunge che l’aumento dei prezzi mondiali degli oli vegetali e dei cereali giustifica l’aumento dell’indice FAO dei prodotti alimentari.

Leggi: Alimentari: sufficiente abbondanza e prezzi stabili sui mercati

Il Marocco ha adottato misure per ridurre l’impatto di questa crisi globale sui prezzi di vari prodotti di consumo, al fine di preservare e proteggere il potere d’acquisto delle famiglie marocchine. Il governo segue con “grande interesse” l’aumento dei prezzi di alcuni prodotti di base, aveva assicurato davanti alla Camera dei deputati Nadia Fattah Al-Alawi, ministro dell’Economia e delle Finanze, aggiungendo che i prezzi dei prodotti agevolati (farina, zucchero , butano) sono stabili grazie al fondo di compensazione, che beneficerà di una donazione di oltre 16 miliardi di dirham nel 2022, in aumento del 28% rispetto al 2021.

Da leggere: Marocco: prezzi in aumento, dettagli per prodotto

Inoltre, il governo ha adottato una serie di misure per frenare gli aumenti dei prezzi. Queste misure includono la recente sospensione dei dazi doganali sulle importazioni di grano tenero e duro, nonché il proseguimento della sospensione dei dazi doganali su legumi e burro. Con tutte queste misure, il Marocco è riuscito a controllare l’inflazione a livelli relativamente bassi (1,7%), quando ha raggiunto il +4,1% nell’area dell’euro, il +6,2% negli Stati Uniti e il 4,2% nel Regno Unito.

READ  Bitcoin 8 novembre 2021 - Un inizio semplice?