Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Come si spiega il calo dei prezzi del gas e dell'elettricità nonostante le guerre all'estero?

Come si spiega il calo dei prezzi del gas e dell'elettricità nonostante le guerre all'estero?

Il 24 febbraio saranno trascorsi due anni dall’invasione russa dell’Ucraina. Una guerra che ha avuto pesanti ripercussioni sui mercati energetici, facendo lievitare i prezzi del gas e dell’elettricità. Oggi la guerra non è finita, ma i prezzi sono crollati drasticamente e non sembrano aumentare. Come spieghiamo questa situazione?

Questa era la paura di tutti un anno fa: aprire la bolletta energetica e scoprire mensilità quattro volte più alte. Oggi c’è ancora la guerra in Ucraina e un altro conflitto è scoppiato in Medio Oriente, eppure… la curva sta diminuendo dall’estate del 2022.

Se guardiamo i prezzi nell’ultimo anno: eravamo a 80 euro al MWh nel gennaio 2023, e oggi, nel gennaio 2024, siamo a 30 euro al MWh. “Abbiamo avuto due inverni consecutivi relativamente miti, che ci hanno aiutato molto a ridurre il consumo domestico, che è il principale consumo di gas in Belgio. Inoltre, ci sono sforzi attivi di sobrietà da parte delle famiglie, che combinati con questo hanno una domanda di gas molto bassa nel tempo presente”“, spiega Stephane Bocke, portavoce della Federazione belga delle società elettriche.

Consumiamo meno di prima. Inoltre, dall'autunno il clima è generalmente caldo e le scorte sono ancora molto elevate. “Quando abbiamo un’offerta relativamente abbondante e una domanda relativamente limitata, questa è la chiave del successo”.Conferma. “E come si traduce questo? Lo vediamo nelle scorte di gas europee. Attualmente, siamo a un livello dell'82% delle scorte di gas all'11 gennaio 2024. All'11 gennaio 2022, siamo a circa il 50%”.

Nessun aumento nemmeno per i prezzi dell'elettricità: 124 euro per megawattora un anno fa. 108 EUR/MWh qualche giorno fa. Ciò è in definitiva normale quando sappiamo che la questione è in gran parte legata al prezzo del gas.

READ  Calma da scalare?

Anche il gasolio da riscaldamento è abbastanza economico: 1,10 €/litro un anno fa, rispetto a 0,93 €/litro oggi. Quindi l’energia è relativamente conveniente al momento. Ma devi stare attento. “Dobbiamo prestare molta attenzione al futuroStefan avverte Bucky. “Siamo in un mercato in cui anche la minima notizia può scuotere le acque e far salire i prezzi in modo relativamente aggressivo”.

Anche il prezzo della legna e del pellet è diminuito rispetto ai prezzi dell'anno scorso. Ma in generale, tutti i prodotti energetici rimangono più alti rispetto ai prezzi pre-crisi.